Banner Top
Banner Top

Montmelò, exploit Suzuki: pole di Aleix Espargaro, davanti a Vinales.

Aleix Espargaro in pole al Montmelò con la sorprendente Suzuki, che fa doppietta in qualifica, piazzando Vinales al 2° posto a soli 83 millesimi dal compagno. Aleix partirà dunque davanti a tutti nel GP di Catalogna: con il tempo di 1’40″546 precede Vinales, appunto, e Lorenzo, 3° a 1 decimo. Battuto il record della pista di Pedrosa del 2013 (1’40″893). A seguire. 4° Marquez (+0″208), poi Dovizioso (+0″361), il primo pilota non spagnolo, e Pedrosa (+0″382). Valentino Rossi è in terza fila: 7° a 0″512. Scivolate per Pol Espargaro (11°) e Crutchlow (9°), ultimo dei 12, Iannone a 0″978, frenato da un problema al cambio nel giro buono.

Per Andrea Iannobe peggiore piazzamento stagionale. Il pilota Vastese, che già ieri aveva avuto problemi, quest’oggi ha commesso un errore alla curca n.5 finendo in folle. La ripresa è stata lenta ed Andrea è scivolato nelle zone meno “pregiate” della griglia di domani. Al termine delle qualifiche l’Abruzzese si è dichiarato, nionostante tutto, contento e fiducioso per la gara di domani dove bisognerà azzccare la gomma giusta per tentare di risalire la griglia.
Lorenzo, uscito in pista fra i primi, piazza subito un 1’41″008, che viene battuto prima dalla Suzuki di Aleix Espargaro, poi da Marquez. Il maiorchino ha un asso nella manica, un treno di gomme in più non utilizzato nelle libere, che si gioca nel finale, ma non gli basta: un errore e Aleix Espargaro e la Suzuki festeggiano.
la q1 — Una Q1 d’elite, vista la presenza di Pedrosa e Iannone, non ha tradito le attese con i due che hanno chiuso, rispettivamente, al primo e secondo posto, passando così alla Q2. 1’41″188 il limite dello spagnolo dela Honda, che ha preceduto di mezzo secondo esatto l’italiano della Ducati. A seguire, Barbera, Redding, Bradl, Petrucci, che scatterà quindi 16°. Bautista partirà dal 22° posto, il suo compagno Melandri ultimo, dal 26°.
Nelle Libere-4, non valide per l’accesso alla qualifica, il più veloce era stato Andrea Iannone con la Ducati in 1’41″959, davanti alle Honda di Marquez, 2° a 0″120, e Pedrosa, 3° a 0″251. Bene Rossi, 4° a mezzo secondo davanti a Dovizioso. 8° Lorenzo, a 0″601, che però è stato a lungo fermo nel box. Caduta rovinosa per Karel Abraham, volato in aria per un high side, che ha saltato le qualifiche ed è in dubbio per la gara.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.