Banner Top
Banner Top

Veicolo sparito a Tessitore, è la gang dei ladri d’auto

 

 

 

 

 

Un’altra azienda finisce nel mirino dei soliti ignoti. Martedì notte i ladri sono riusciti ad entrare negli uffici della società Tessitore e dopo aver rubato le chiavi di un furgone si sono allontanati con il mezzo appena immatricolato. Il valore del furgone si aggira sui 20 mila euro. L’amara scoperta è stata fatta dal titolare ieri mattina. Non è purtroppo il primo furto subito dall’imprenditore. E intanto molti anziani residenti in riviera hanno ricevuto la visita di falsi ispettori Inps incaricati di verificare i documenti per ottenere dallo Stato il bonus pensioni annunciato dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Non c’è pace per imprenditori e residenti della riviera.

FURTO. La vigilanza privata non è bastata a scoraggiare la gang di professionisti che la notte fra martedì e mercoledì ha messo a segno l’ennesimo furto ai danni dell’azienda di trasporti Tessitore, in contrada San Tommaso. I ladri, evidentemente a conoscenza dei luoghi, sono riusciti in pochi minuti a forzare un cancello e ad entrare nell’azienda. Raggiunto un ufficio, hanno preso le chiavi di un furgone Fiat. La mossa successiva è stata la sistemazione sul furgone della targa di un altro mezzo. Subito dopo la gang si è allontanata. No si sa se in direzione nord o sud. Il furto è stato scoperto diverse ore dopo e denunciato ai carabinieri. I militari ieri mattina hanno compiuto un sopralluogo e raccolto indizi ma al momento le bocche sono cucite. Non è la prima volta che l’azienda Tessitore viene derubata. Due anni fa una gang portò vi persino la cassaforte.

TRUFFATORI. E intanto le forze dell’ordine tornano ad allertare gli anziani invitandoli a non fidarsi degli sconosciuti che bussano alle loro porte. Da qualche giorno sono in giro falsi ispettori dell’Inps. Suonano al campanello di casa dei pensionati o addirittura fermano gli anziani per strada. Si qualificano come dipendenti dell’Istituto nazionale di previdenza sociale e invitano i “nonni” a fornire loro i documenti necessari per ottenere il bonus annunciato dal governo Renzi. Mentre l’anziano si distrae loro rubano. È accaduto ad una pensionata di 89 anni. Fortunatamente il bottino non è alto perché l’anziana signora non ha mai molto contante in casa. In estate, purtroppo, truffe e raggiri ai danni degli anziani (spesso abbinati a furti negli appartamenti o delle carte di credito) si moltiplicano. Per questo le forze dell’ordine tornano a sollecitare la massima diffidenza da parte dei vastesi con gli

sconosciuti. Il bonus sulle pensioni, oltretutto, viene calcolato automaticamente grazie alla banca dati dell’Inps. Non sono necessarie le visite a domicilio nè documenti aggiuntivi. E se qualcuno si qualifica come ispettore Inps avvisate subito il 112 o il 113.

Paola Calvano (ilcentro.it)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.