Banner Top
Banner Top

“I nuovi linguaggi”, la parola dei ragazzi accanto a quella degli esperti

La prima della due giorni del convegno sui “Nuovi linguaggi” si è aperta con la proiezione dello originale video “La fibra ottica dell’amore” realizzato dai ragazzi dell’IIS Mattei che racconta l’approccio amoroso tentato attraverso i nuovi strumenti tecnologici, in primis Facebook. Altri lavori che sono stati presentati riguardano alcuni dati sull’uso dei social network, altre divertenti scene sull’influenza del linguaggio dei social che produce una grande quantità di errori nella scrittura degli adolescenti, un’analisi dell’ e-commerce. Dopo l’introduzione della professoressa Cecilia Mosca, i saluti del dirigente scolastico Rocco Ciafarone e del presidente del Club per l’UNESCO “Puccio Benedetti” Bianca Campli, del presidente del consiglio comunale Giuseppe Forte,  è stata la volta del regista e attore Stefano Sabelli che ha osservato come le nuove tecnologie diano la possibilità di una grande responsabilità e opportunità “Sommando tutto il tempo che ogni giorno della settimana passiamo davanti al computer, potremmo dire che viviamo un ottavo giorno e dobbiamo essere responsabili di essere un big data, un insieme di dati che sono osservati e censiti dalla rete.Per questo bisogna stare attenti a non lasciarsi influenzare. D’altra parte, la rete è anche uno strumento per interagire”. A seguito del suo intervento, hanno parlato in videoconferenza i due illustri studiosi Paolo Gallina, professore Associato di Meccanica applicata alle macchine dell’Università di Padova  e Francesca Rossi, Presidente della Conferenza Internazionale per l’intelligenza artificiale . “Riusciamo a esprimere verbalmente solo una piccolissima parte di quello che pensiamo, proprio come alcune macchine che possono leggere nella mente delle persone, ma ovviamente non riescono ad esprimere queste riflessioni. Anche dal punto di vista anatomico, siamo pura informazione, dal momento che le nostre cellule si rinnovano incessantemente, in un lasso di tempo di 8 anni non abbiamo più nessun atomo uguale a quello precedente, per cui rimane solo la pura forma iniziale”. Francesca Rossi ha eseguito un excursus a partire dal momento in cui le intelligenze artificiali hanno preso il sopravvento e ha fatto vari esempi di tecnologie di questo tipo come il navigatore, le automobili con la guida automatica, la robotica. “Andiamo verso una società in cui macchine e uomini saranno sempre più connesse in sinergia” ha concluso. Gli interventi sono stati di grande impegno, per cui tutta la mattinata ha avuto un intenso spessore culturale.

Nausica Strever

  • I nuovi linguaggi 1
  • I nuovi Linguaggi 1
  • I nuovi linguaggi 1
  • I nuovi linguaggi 1
  • I nuovi linguaggi 1
  • I nuovi linguaggi 1
  • I nuovi linguaggi 1

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.