Banner Top
Banner Top

Niente auto a Punta Aderci, il divieto scatta domani

Stop all’assalto delle auto nella riserva naturale di Punta Aderci. Da domani l’area protetta viene interdetta al traffico veicolare nel tratto compreso dal bivio che conduce alla prorpietà Bosco fino all’agglomerato di abitazioni ubicate dopo il secondo parcheggio (direzione Mottagrossa). Il divieto di transito verrà garantito tramite l’installazione di catene o barre carrabili con sistemi di apertura automatica.

A disporlo è una ordinanza che porta la firma del dirigente della polizia municipale Vincenzo Marcello. Un provvedimento sollecitato a più riprese dalle associazioni cittadine, dalle guardie ecologiche del wwf e dalla Cogecstre (la Cooperativa di Penne che gestisce il parco costiero), motivato dalla necessità di garantire sicurezza e protezione ambientale, dal momento che la zona è stata speso oggetto di atti vandalici, con danneggiamento alle strutture ed alla vegetazione.

L’ordinanza – che non indica una scadenza temporale lasciando intuire che si tratta di una chiusura definitiva – si è resa inevitabile dopo l’approvazione del progetto sulla viabilità della via Verde della costa dei trabocchi da parte del ministero dello Sviluppo economico, che ha condizionato i finanziamenti per la pista ciclabile all’interdizione dell’accesso alle auto.

Insomma, scene come quelle della scorsa estate con le auto ammassate lungo i sentieri della riserva, presi letteralmente d’assalto, non dovrebbero più ripetersi. A vigilare sarà il personale della Cogecstre che dovrà anche garantire il passaggio di soggetti autorizzati (residenti, conduttori di trabocco, proprietari dei fondi agricoli, veicoli di soccorso, vigili del fuoco e forze dell’ordine). Inutile dire che il provvedimento è stato salutato con soddisfazione da quanti, in questi mesi, hanno ripetutamente sollecitato la chiusura alle auto, auspicata anche dall’assessore ai parchi e alle riserve, Marco Marra.

“L’ordinanza, che sarebbe dovuta entrare in vigore da tempo, restituisce dignità a una zona protetta che non può più sopportare la sistematica invasione dei veicoli – commenta Stefano Gaglioli, guardia ecologica del wwf – resta, però, irrisolto il problema dell’accesso alle auto a Mottagrossa. Anche in questi caso bisognerà trovare una soluzione, magari mettendosi a tavolino a cercando anche il coinvolgimento delle associazioni. Sono comunque molto soddisfatto.”

Dal provvedimento restano fuori i vialoni della zona industrale , luogo preferito dalle coppiette.

Anna Bontempo (ilcentro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.