Banner Top
Banner Top

Rifiuti, emergenza al Civeta «Rischio aumento bollette»

Rischiano di finire in discariche private i rifiuti dei comuni del comprensorio che ora vengano conferiti nell’impianto di riciclaggio e di compostaggio di Valle Cena, con costi che potrebbero raddoppiare. L’allarme è stato lanciato dai sindaci che hanno dipinto una situazione «critica» destinata a degenerare in «emergenza» nei prossimi mesi se non ci sarà una decisa inversione di rotta.

Sul banco degli imputati è finita la Regione che, oltre ad aver lasciato nel limbo l’assemblea intercomunale e il consiglio d’amministrazione del Consorzio di Cupello – ancora in attesa di un commissario ad acta annunciato a novembre, ma che non è stato nominato – non ha ancora convocato la conferenza dei servizi deputata al rilascio dell’autorizzazione per la terza vasca, già appaltata dal Civeta per un importo di 40 milioni di euro.

La situazione è veramente critica e i sindaci presenti ieri a San Salvo si sono detti pronti anche a clamorose iniziative. Oltre a Tiziana Magnacca, presidente dell’assemblea intercomunale e sindaco di San Salvo, erano presenti gli omologhi di Monteodorisio, Scerni e Villalfonsina, Saverio Di GiacomoGiuseppe Pomponio e Mimmo Budano, il vicesindaco di Vasto,Vincenzo SputoreEugenio Macchia, consigliere comunale di Cupello eRino Maiale, membro del Cda del Civeta.

«La discarica è in via di esaurimento, ha una autonomia residua di 5-6 mesi», ha spiegato Magnacca, «l’iter è iniziato quattro anni fa, ma negli ultimi dodici mesi si è tutto arenato. Deve essere convocata la conferenza dei servizi, affinchè l’Arta esprima il suo parere che è di particolare rilevanza. Con la seconda discarica che è ormai al limite della capienza e la terza vasca non ancora autorizzata rischiamo di dover portare i rifiuti fuori dal Civeta, in territori molto più lontani e con costi molto più alti che ricadranno sulle spalle dei cittadini. Le nostre tariffe sono le più basse in assoluto: 90 euro a tonnellata per i rifiuti indifferenziati e 60 euro per l’organico. Devo aggiungere per correttezza di aver incontrato questa mattina (ieri per chi legge, ndc) il presidente della Regione, Luciano D’Alfonso che ha sollecitato l’assessore all’ambiente, Mario Mazzocca e il dirigente Piselli». Il sindaco di San Salvo ha rimarcato la «situazione di stallo» e la diffida che il commissario dell’Agir ha inviato all’assemblea intercomunale affinchè si astenesse da qualsiasi atto di programmazione e di controllo.

Nel limbo è finito anche il Cda del Civeta presieduto dall’avvocato Massimo Sgrignuoli «che fa solo ordinaria amministrazione».

«La Regione deve muoversi, non possiamo permetterci costi aggiuntivi», ha aggiunto Sputore, «il Civeta è un consorzio importante per il territorio».

I sindaci sono sul piede di guerra. «Siamo pronti a inscenare manifestazioni e proteste se non verranno fatti gli atti necessari per permettere al Civeta di andare avanti», hanno concluso gli amministratori comunali.

Anna Bontempo (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.