Banner Top
Banner Top

Lapenna: “soddisfazione per l’approvazione del Bilancio senza aumentare le tasse”

Torna su quanto accaduto in Consiglio comunale Luciano Lapenna, soprattutto in merito a due dei tre passaggi fondamentali, ovvero l’approvazione del Bilancio di previsione e la violenta aggressione verbale subita (il terzo è la resa dei conti all’interno della maggioranza). “Il Bilancio di previsione 2015 del Comune di Vasto è stato approvato a larga maggioranza senza aumentare di un centesimo le tasse rispetto al 2014”, ribadisce il primo cittadino così come aveva già fatto durante la conferenza stampa di martedì. “Sono orgoglioso dell’approvazione del Bilancio di previsione 2015 che è avvenuto nei termini e nel rispetto del dettato normativo – aggiunge – ma soprattutto perchè questa approvazione è avvenuta in netto anticipo rispetto alla data fissata dalla legge. Vasto è quindi una delle prime città in Italia ad approvare il Bilancio secondo la nuova normativa e a dotarsi di uno strumento necessario e fondamentale per la realizzazione di nuove opere pubbliche, la salvaguardia dei servizi e l’implementazione di quelli esistenti. I conti pubblici sono in ordine e il nostro Comune è uno dei più virtuosi di tutta la regione Abruzzo”.

Quindi il ritorno sull’aggressione, dopo che attraverso una nota congiunta i consiglieri che si identificano con la sigla Vastoduemilasedici hanno cercato di sminuire l’accaduto e addossarne le colpe alla stessa maggioranza.
“Sono ridicole, false e non corrispondenti al vero, le dichiarazioni di alcuni consiglieri di minoranza circa l’aggressione da me subita durante l’ultimo Consiglio comunale da parte di Davide D’Alessandro”, scrive Lapenna, che alla luce anche della denuncia dei consiglieri di minoranza dell’assenza della diretta web, aggiunge che “ I cittadini possono venire in Comune ad ascoltare le registrazioni audio e prendere visione dei verbali della seduta, in cui sono riportate, lettera per lettera, le ingiuriose parole pronunciate”.

“Una parte dell’opposizione, tra cui Desiati, Sigismondi, Del Prete, Bischia e D’Alessandro, non ha gradito, con tutta evidenza, che la mia maggioranza abbia approvato, con largo anticipo rispetto al dettato normativo, il Bilancio di previsione 2015 – chiosa il primo cittadino – Pertanto, per evitare che la città ne fosse consapevole, ha utilizzato la vecchia tecnica di propaganda di spostare l’attenzione su altro. Cosa c’è di meglio di una rissa all’interno dell’Aula consiliare proprio il giorno in cui veniva approvato l’importante e fondamentale strumento di programmazione economica utile per lo sviluppo e il rilancio dell’economia cittadina?! È triste vedere come chi si candida a governare la città ricorra a queste piccolezze e finzioni comunicative, la città ha bisogno di una opposizione seria, costruttiva e propositiva, quello che è stato messo in scena nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale è davvero degradante per le istituzioni e pericoloso per la democrazia”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.