Banner Top
Banner Top

La maggioranza snobba il Consiglio regionale e monta la protesta delle opposizioni

Anche l’ultimo Consiglio regionale celebrato a L’Aquila ha lasciato strascichi pesanti, stavolta più che sui contenuti sull’atteggiamento di un centrosinistra, la cui Giunta ancora una volta ha lasciato i banchi vuoti. Nelle scorse settimane era stato Mauro Febbo, presidente della commissione Vigilanza, a denunciare la diserzione degli esponenti di maggioranza dalle sedute delle varie commissioni, richiamando più volte i colleghi consiglieri alò rispetto del proprio ruolo. Invito, però, evidentemente snobbato, come mostrano le immagini. E allora proprio Febbo rincara la dose: “Quanto accaduto in Consiglio regionale – dice – è scandaloso, inconcepibile e ci indigna clamorosamente perché siamo di fronte ad un atto criminale da parte di questo Governo, e parte della maggioranza, che continua a prendere in giro tutti i cittadini abruzzesi e a lasciare indifese le donne”.

Ed al forzista hanno fatto eco tutti i Consiglieri di Forza Italia che aggiungendo: “L’Assemblea convocata per le ore 11.00 è stata rinviata perché i membri del Governo regionale erano tutti assenti e solo l’assessore Pepe era giustificato (sic!!) mentre il Presidente è impegnato nel suo tour elettorale nell’alto vastese e gli altri componenti della Giunta probabilmente sono ancora al Vinitaly(?).

Parte della maggioranza presente in Aula si è poi volatilizzata, lasciando soli Monticelli e Gerosolimo, facendo mancare così il numero legale che non ha permesso di continuare l’assemblea dando la possibilità al Presidente (Lucrezio Paolini in sostituzione dell’altro illustre assente Di Pangrazio) di sospendere la seduta e fissare l’inizio dei lavori alle 16:00, rispetto alle richieste di Forza Italia e di tutta l’opposizione di continuare i lavori per i punti che si potevano affrontare evitando una brutta figura nei confronti dei cittadini elettorali e soprattutto lo sperpero del denaro pubblico.

In questo modo – concludono i Consiglieri regionali di Forza Italia – il Governo D’Alfonso prende tempo cercando di ricompattare una maggioranza in evidente difficoltà. Alla dichiarazione di scioglimento del Consiglio abbiamo simbolicamente occupato la sala consiliare per dare voce alla nostra indignazione (con un nostro striscione appositamente realizzato da Febbo e Sospiri) e richiamare l’attenzione della pubblica opinione su quanto di penalizzante si sta facendo sui territori chiudendo i Punti nascite, mentre il ministro Lorenzin ha dichiarato tutt’altro. Ora i Consiglieri e Assessori di maggioranza dovranno assumersi tutte la responsabilità di questo orribile spettacolo”.

Sul piede di guerra, però, anche il Movimento 5 Stelle: “È inaccettabile il comportamento tenuto dalla maggioranza che continua, sia che si tratti delle sedute delle commissioni consiliari sia di quelle del Consiglio, ad ignorare non solo le norme regolamentari ma anche le più elementari regole della correttezza e del rispetto del ruolo rivestito. Nonostante, infatti, la seduta del Consiglio fosse fissata per le 11.00, a quell’ora mancava in aula l’intera Giunta, Presidente compreso, affaccendata, a quanto sembra, in ben altri e più importanti impegni istituzionali, come ad esempio partecipare al Vinitaly”.

“Per l’ennesima volta – hanno continuato i Consiglieri M5S – la maggioranza ha dimostrato una mancanza di rispetto non solo nei confronti nostri e delle istituzioni ma, soprattutto, nei confronti dei cittadini che si aspettano dall’assemblea consiliare ben altri risultati”.

  • foto2
  • foto3
  • foto4
  • foto5
  • foto6
  • MAGGIORANZA VUOTA
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.