Banner Top
Banner Top

I Comuni di Vasto e San Salvo hanno deliberato lo stato di calamità. Rassicurazioni su Palazzo d’Avalos.

I danni e i disagi del maltempo sono sotto gli occhi di tutti e molte imprevedibili criticità sussistono ancora. Stamane, dunque, la Giunta comunale di San Salvo, impegnata nella difficile gestione dell’esondazione del torrente Buonanotte, ha deliberato lo stato di calamità. Stessa procedura è stata seguita qualche ora più tardi dalla Giunta vastese, tranquillizzando sulle possibili conseguenze delle piogge su Palazzo d’Avalos, “dove – affermano da Palazzo di Città – vi è un costante monitoraggio ed è stato riscontrato un buon deflusso delle acque dalle trivellazioni effettuate nelle scorse settimane dal Genio Civile”.

Intanto i tecnici dei due comuni e gli uomini della Protezione civile stanno eseguendo controlli e rilievi nei più critici, mentre si procede a preparare la documentazione necessaria con una prima stima dei danni da presentare in Regione probabilmente già questa sera.

Se l’onorevole vastese Maria Amato (Partito Democratico) ha già inoltrato, stamane, formale chiesto al presidente del consiglio Matteo Renzi di disporre lo stato di calamità per le zone dell’Abruzzo maggiormente colpite dal maltempo di questi ultimi giorni, dalle ore 9 di stamattina è riunita l’unità operativa della Regione Abruzzo coordinata dall’assessore alla Protezione civile Mario Mazzocca. Il dirigente del servizio Prevenzione rischi ha dato lettura degli ultimi aggiornamenti provenienti dalla sala operativa della Protezione civile.

“Vista la dinamicità della situazione, che è in piena evoluzione soprattutto nelle aree interne si è deciso di inserire all’ordine del giorno della seduta di Giunta odierna – convocata dal Presidente Luciano D’Alfonso nel pomeriggio a Pescara per formulare al Governo la richiesta dello stato di emergenza – una proposta che comprenda non solo le evenienze verificatesi a partire da ieri ma anche quelle emerse nel corso delle ultime settimane”: questo è quanto arriva da Palazzo Silone con l’annuncio che “si è stabilito altresì di indirizzare una lettera a tutti i sindaci abruzzesi per indicare le modalità procedurali volte a quantificare i danni e chiedere i relativi risarcimenti, come definito nella delibera di Giunta regionale n. 4 dell’8 gennaio scorso”.

Già questa mattina, però, Luciano D’Alfonso aveva detto: “Occorre una immediata e ripetuta comunicazione dei danni subiti da cose e beni del patrimonio pubblico e privato, anche supportato da fotografie che consentano la migliore documentalità dei dossier. Usate l’indirizzo mail istituzionale in evidenza poiché in giornata delibereremo la richiesta di riconoscimento di stato di emergenza, in ragione dei danni subiti e sottoposti ad una prima ma comprovata documentazione. Ogni Comune deve realizzare una puntuale e sollecita ricognizione dei fatti dannosi intervenuti. Alle 10 in Viale Bovio a Pescara si tirano le prime linee, per proseguire fino alle 19 di oggi. Alle 8 sarò a Palazzo Chigi per concordare il cammino amministrativo più veloce possibile della delibera della Regione. Giovedì solleveremo la questione in Conferenza dei Presidenti delle Regioni”.

Proprio alla luce di quanto prescritto dal governatore d’Abruzzo, “il Movimento 5 Stelle di Vasto invita cortesemente tutti i cittadini a inviarci foto e video che documentino i danni causati dal maltempo a Vasto. L’indirizzo mail da utilizzare è info@movimento5stellevasto.it.

I tempi sono molto stretti, quindi è necessario mandare il proprio contributo entro le ore 17.00 di oggi. I dati raccolti saranno trasmessi al Comune di Vasto e saranno preziosi per una precisa valutazione della situazione e degli interventi necessari sia per riparare ai danni ormai fatti, sia per scongiurare il rischio di simili emergenze in futuro. Grazie a chi vorrà darci una mano per salvaguardare il bene comune di tutti i vastesi”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.