Banner Top
Banner Top

Petrolizzazione, Castaldi (M5S): “Trivelle croate nel mare Adriatico, ora il Governo si sveglia”

Già a metà febbraio il Movimento 5 Stelle aveva chiesto al parlamento italiano di aprire un contenzioso con la Croazia sulla questione della prospezione e ricerca di idrocarburi fossili nel mare Adriatico. Da allora la situazione ha subito delle evoluzioni: in particolare, dice Gianluca Castaldi “siamo soddisfatti che una delle nostre richieste contenute nella interrogazione del 17 Febbraio 2015-esigere, cioè’, il diritto alla consultazione nei confronti della Repubblica di Croazia circa lo sfruttamento dei fondali nella parte del mare Adriatico di sua pertinenza per il 90 per cento della superficie marina adriatica-abbia trovato sensibilità nel Ministro dell’Ambiente che ha chiesto e ottenuto dal governo della Repubblica di Croazia, l’avvio di consultazioni transfrontaliera”.

Se non vogliamo essere” semplici spettatori” come dice il Ministro Galletti, bisogna che la maggioranza di governo sia coerente con se stessa ricordando l’impegno preso con l’approvazione in Senato di un o.d.g., nel quale si afferma, tra le altre cose, la attivazione di “ una stretta interlocuzione con gli stessi Stati per sollecitare il fermo di iniziative che, data la particolare contiguità e vicinanza con la regione marina e con le coste italiane, potrebbero metterne a rischio l’integrità” del mare Adriatico stesso. Solo ieri e’ stato approvato in Senato sul Collegato ambientale un emendamento che prevede la condanna da 1 a 3 anni per chi utilizza la tecnica dell’”air gun “per le esplorazioni petrolifere”.

E sì, perché già da tempo nel mirino degli ambientalisti ed anche dei “grillini” la tecnica di prospezione mediante l’ausilio degli air-guns che sarebbe alla base del disorientamento dei cetacei e non solo e del loro conseguente spiaggiamento.

Per Castaldi e C. “sarebbe utile, da subito, che l’Italia invitasse il Governo Croato a non sottoscrivere i contratti con le compagnie che hanno avuto l’assegnazione dei diritti di ricerca (10 concessioni). E conseguentemente di adottare tutte le opportune iniziative tese alla protezione e salvaguardia del mare Adriatico, anche – ribadiamo – valutando l’apertura di un contenzioso con la Repubblica di Croazia, contro la politica di sfruttamento intensivo del Mare Adriatico.

Da parte del M5S continueremo a ribadire che è indubbio che il progetto della Repubblica di Croazia sia incompatibile con la protezione del mare Adriatico di Croazia e che debba essere fermato”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.