Banner Top
Banner Top

Organizzazioni professionali e ambientalisti danno vita al “Forum delle Comunita’ del Parco”…ma senza gli industriali

“Costituente per il Parco della Costa Teatina, Confesercenti, Wwf, Legambiente, Ascom Abruzzo, Cia, Cna, Upa Claii e Casartigianato, in attesa di ulteriori adesioni, hanno dato vita al “Forum delle Comunita’ del Parco”, un tavolo comune per confrontarsi e per scrivere insieme il Parco che vogliamo si realizzi. Ogni Parco Nazionale che nasce si deve adattare alle realta’ locali, ai valori di biodiversita’ e alle emergenze naturali, paesaggistiche, culturali, alle peculiarita’ del tessuto socioeconomico e alle caratteristiche territoriali considerando anche l’uomo e le sue attivita’.

Un Parco nasce per tutelare e conservare la biodiversita’ e gli equilibri naturali degli ecosistemi presenti e per sviluppare una economia diversa da quella dominante, che metta al centro insieme gli equilibri naturali e l’uomo per far si che la biodiversita’ e gli equilibri naturali vengano preservati e si ridia dignita’ al lavoro e alle lavoratrici e ai lavoratori.

Il Forum servira’ a chiarire i dubbi che ancora aleggiano come residui della disinformazione diffusa nel recente passato, a trasformare i timori dovuti alla “non conoscenza” delle possibilita’ offerte da questa fase costitutiva all’interno del percorso che prevede la Legge Quadro sui Parchi e a valorizzare le esperienze e le competenze dei vari soggetti che vi parteciperanno per scrivere insieme le norme di salvaguardia che entreranno in vigore sulle aree perimetrate al momento della pubblicazione del Decreto sulla Gazzetta Ufficiale e dare indicazione su come le attivita’ economiche dovrebbero essere nel futuro Parco.

L’intenzione e’ quella di proporre per il Parco Nazionale della Costa Teatina l’istituzione permanente del “Forum delle Comunita’ del Parco”, in aggiunta agli organi di gestione , come luogo di costruzione del Piano Socio-Economico del futuro Parco in dialogo costruttivo e continuo con la Comunita’ del Parco (gia’ prevista per legge e all’interno della quale ci saranno gli Amministratori Locali)”.

Fin qui la nota data alle stampe, ma resta da comprendere, ad esempio, perché nell’elencazione dei sodalizi non vi sono né Copagri né Confindustria, che, pure, soprattutto quest’ultima dovrà tutelare gli interessi di una parte importante dell’economia ricadente nella perimetrazione. Ci chiediamo se gli industriali siano stati invitati al tavolo oppure no. Se gli intenti sono quelli enunciati forse sarebbe il caso di fare del forum una via di inziale confronto e mediazione.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.