Banner Top
Banner Top

Parco della Costa teatina, la Magnacca chiede un incontro urgente al commissario De Dominicis

Nel giro di riflessioni attorno a quanto emerso dal confronto in Confindustria sul parco della Costa teatina ecco l’intervento di un altro primo cittadino, dopo quello del sindaco di Torino di Sangro Silvana Priori. A parlare è la collega di San Salvo Tiziana Magnacca che scritto una lettera a Pino De Dominicis, commissario ad acta nominato della Regione Abruzzo, per la perimetrazione del Parco nazionale della Costa Teatina, chiedendo un incontro urgente per la rivisitazione della sua proposta.

“Commissario – sottolinea la Magnacca – che ha fatto scelte solitarie non tenendo conto del confronto come metodo di lavoro, per un costruttivo dialogo al fine di far convivere interessi e necessità diverse in nome del rispetto dell’ambiente e con prospettive di sviluppo.

“La proposta presentata dal commissario ad acta – afferma il primo cittadino sansalvese – non ha visto il coinvolgimento del territorio, senza alcuna condivisione e addirittura in netto contrasto con le volontà espresse nei Consigli comunali.

Preoccupa constatare che De Dominicis abbia nel recente passato svolto il ruolo di pubblico amministratore, per giunta di un territorio costiero, e che non abbia avvertito la necessità di confrontarsi con le diverse sensibilità che caratterizzano il litorale abruzzese.

Un aspetto emerge chiaro: non si possono imporre scelte dall’alto, in particolare quando determinano vincoli ambientali, ma ancor più quando non c’è la piena consapevolezza tra le comunità interessate.

In tutto ciò si ravvisa una violazione delle volontà dei Comuni, che sicuramente avrebbero potuto dare il loro insostituibile contributo di proposte e suggerimenti concreti, per una perimetrazione che non venga a mortificare le aspettative di sviluppo della costa Teatina.

A chi giovano le scelte solitarie del commissario ad acta De Dominicis?
Persino gli agricoltori lamentano i limiti di questa perimetrazione, a dimostrazione di come sia diffuso il malessere tra le comunità.

Ribadisco la necessità di un incontro urgente con il commissario De Dominicis con tutti i soggetti interessati al Parco nazionale della Costa Teatina per addivenire a una decisione più consona alle aspettative di un territorio che dell’ambiente e del turismo vuol fare i suoi punti di forza”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.