Banner Top
Banner Top

Nuovo Comandante, altra diffida

Una nuova diffida per chiedere l’annullamento in autotutela della determina dirigenziale e dell’avviso per la nomina del comandante della polizia municipale. L’hanno inoltrata, tramite l’avvocato Andrea Bracone, otto ufficiali in servizio al Comando di corso Italia, rimasto senza responsabile alla fine di dicembre dopo le dimissioni rassegnate dal tenente Orlandino Carusi.

Secondo i firmatari della diffida, inoltrata al Sindaco Luciano Lapenna e al dirigente Enzo Marcello, “si tratta di atti emessi in violazione di legge e da organo incompetente”.

L’iniziativa fa il paio con quella promossa nelle scorse settimane dal Diccap, il sindacato autonomo maggiormente rappresentativo del personale in divisa, che contesta il bando confezionato dal Comune, chiedendone l’annullamento. Per il segretario regionale Walter Falziani, “non può essere un dirigente esterno al corpo di polizia municipale (cioè Marcello, ndc) a emettere l’avviso e a conferire l’incarico”.

La stessa tesi, supportata da leggi e da una copiosa giurisprudenza in materia, viene sostenuta nella nuova diffida presentata dagli otto ufficiali, alcuni dei quali hanno comunque presentato domanda per partecipare al bando scaduto il 18 febbraio. Insomma, la materia del contendere è la stessa che ha indotto i fischietti locali a manifestare sotto il Comune lo scorso settembre, per chiedere al Sindaco il rispetto delle leggi, tra cui la piena autonomia operativa della Polizia Municipale.

La notizia della diffida è stata comunicata ieri dagli stessi ufficiali ad alcuni consiglieri comunali tramite sms. Dall’aria che tira sembra proprio che i rapporti tra amministratori e vigili urbani continuino ad essere caratterizzati da forti conflittualità.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il bando per il comandante. Piuttosto che far ricorso alla graduatoria gerarchica, l’amministrazione comunale ha preferito affidarsi a un avviso il cui bando presta il fianco ad una serie di critiche.

“Dopo la clamorosa protesta di qualche mese fa, pensavamo che l’Amministrazione recuperasse un rapporto basato sul rispetto e sulla collaborazione – attacca il consigliere indipendente Davide D’Alessandro – purtroppo, l’ultimo bando va nella direzione ostinata e contraria, poiché mira ancora una volta a indebolire il Corpo e a creare divisioni all’interno”.

Anna Bontempo

 

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.