Banner Top
Banner Top

Sei anni di processo per una bibita che costava euro 1,29

Ha sete, tanta sete. Entra in un supermercato, prende una bibita del costo di euro 1,29 e se la tracanna. Ma le telecamere di sorveglianza del supermercato registrano  tutto e segnalano l’accaduto alle Forze dell’Ordine. E così, per Youssef M., un marocchino di 38 anni, inizia una vicenda giudiziaria che durerà ben sei anni. Processo di primo grado a Mondovì (Cuneo) dove viene condannato a due mesi di reclusione. Siamo nell’anno 2009. Gli avvocati della difesa non condividono la sentenza di condanna, la impugnano e presentano appello. L’altro ieri, dopo sei anni e parecchie udienze, la Corte d’Appello di Torino ha accolto la tesi difensiva dei legali dell’imputato ed ha assolto il marocchino Youssef con una sentenza di non luogo a procedere. Per potere bere, Youssef aveva strappato la linguetta della lattina. E la linguetta, a differenza di quanto sostenuto dal Tribunale di primo grado, non è un “sigillo”. Per cui, ha sentenziato la Corte d’Appello di Torino, trattasi di un tentato furto e non si può celebrare il processo per mancanza di querela. Sei anni di processo per una bibita che costava euro 1 e 29 centesimi.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.