Banner Top
Banner Top

“Far crescere la fede e potenziare le attività dell’oratorio i primi obiettivi da raggiungere”

Don Gianni Carozza si è insediato nelle parrocchia di “San Marco Evangelista” a settembre, dove ha sostituito Don Gino Smargiassi. È alla sua prima esperienza come parroco: precedentemente è stato vicerettore del seminario regionale “San Pio X” di Chieti e docente, attività che continua a svolgere presso l’Istituto teologico abruzzese- molisano “Pianum” di Chieti nel quale insegna Metodologia della ricerca, Greco biblico ed Esegesi della ricerca e presso l’Istituto superiore di Scienze religiose “Toniolo” di Pescara dove insegna Sacra scrittura.

Com’è stato il passaggio dall’incarico di vicerettore del seminario al ruolo di parroco?

“Dopo ventitré anni dedicati esclusivamente alla formazione in seminario e negli istituti dove ho insegnato, iniziare l’esperienza parrocchiale ha stravolto la mia vita. Mi sto ancora adattando a questo grande cambiamento, cercando di mettermi il più possibile in ascolto delle esigenze dei parrocchiani e di comprendere quali siano le attività da privilegiare o da rafforzare. Sto cercando di essere particolarmente vicino ai malati e ai giovani che si preparano per la Cresima e per il matrimonio”.

Da questi primi mesi di esperienza, quale idea si è formato sulla parrocchia di San Marco?

Don gianni carozza1“Dall’ultima stima anagrafica che ho consultato, la parrocchia, il cui nucleo principale è rappresentato da corso Mazzini, via dei Conti Ricci e via Maddalena, conta circa 4000 fedeli, ma la zona è in continua espansione; spesso accogliamo nuovi arrivati. La comunità non è formata solo da vastesi, ma anche da giovani famiglie dell’entroterra che si sono trasferite nella nostra città o che provengono da altre regioni, come ad esempio la Campania. Ho riscontrato nei fedeli una grande voglia di crescere spiritualmente, alla base della quale c’è il lavoro che Don Gino ha svolto prima di me. Non ci sono particolari situazioni di disagio sociale, ma è presente un grande senso di solidarietà che si concretizza nelle attività del gruppo parrocchiale di volontari della Caritas che si occupa di distribuire pasti caldi e vestiario”.

Quali sono le iniziative più importanti che ha portato avanti finora?

“Ho continuato le attività parrocchiali che Don Gino aveva avviato prima di me. Accanto alla catechesi tradizionale, vorrei inserire anche il percorso educativo dell’Azione Cattolica Italiana per cui, a maggior ragione, qualche domenica fa [2 febbraio scorso] abbiamo accolto i ragazzi dell’A.C.R. arrivati a Vasto da tutta la diocesi per partecipare alla “Festa della pace” che si è svolta al Pala BCC. Dal momento che uno dei miei obiettivi è lavorare per potenziare la fede, sto tenendo una volta alla settimana la catechesi per adulti, che, al momento di riflessione e di studio, accosta spesso l’occasione conviviale per favorire la conoscenza e la creazione di legami d’amicizia tra i vari membri del gruppo. A gennaio, si è tenuto un incontro con Don Marco D’Agostino sul tema “Adolescenza e rapporto genitori-figli”: vorrei proporre altre iniziative di questo tipo che abbiano uno spessore culturale e siano utili per tutta la parrocchia.

Quali progetti vuole realizzare in futuro?

“Vorrei che l’oratorio funzionasse a pieno ritmo, dal momento che abbiamo a disposizione ampi spazi per svolgere attività dedicate a tutte le fasce d’età. Secondo il mio progetto, si dovrebbero costituire laboratori culturali e sociali, ludico-ricreativi, caritativi e sulla fede: con l’attivazione di questi quattro nuclei di lavoro si curerebbero i tre ambiti dell’ascolto, della riflessione e dell’azione, che sono tutti e tre ugualmente importanti e meritevoli di essere i cardini delle attività parrocchiali”.

Nausica Strever

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.