Banner Top
Banner Top

Aiutatemi a salvare mio figlio, l’appello di un papà disperato

Cetrullo_FedericoHa riportato una grave lesione spinale dopo un brutto incidente lo scorso mese di agosto che lo ha immobilizzato ed oggi Federico Cetrullo ha bisogno di costosissime cure che gli possono essere somministrate a Zurigo, ma papà Germano, che vive a Pescara, non possiede il denaro per coprire i costi della terapia ed oggi chiede aiuto al buon cuore di tutti gli italiani.

“Ciao a tutti, quello che vedete in foto è mio figlio Federico. Il 25.08.2014, a causa di un brutto incidente stradale, ha riportato una grave lesione spinale. È stato operato d’urgenza, ma il suo corpo non ha risposto adeguatamente alle cure. Anche i sanitari non hanno da subito compreso la gravità delle sue condizioni. Ne è nato un peregrinare tra vari ospedali, che stanno asciugando le speranze di rivederlo in piedi. Oggi ha perso 20 kg e ogni giorno che passa peggiora sempre più. L’unica speranza ancora viva per farlo rialzare risiede nel ricovero presso una delle due cliniche svizzere di Zurigo, disposte ad eseguire un delicatissimo intervento. Ovviamente queste strutture aprono le porte solo dietro la corresponsione di una cifra di denaro per me irraggiungibile: circa €100.000. Non avrei mai pensato di percorrere questa strada, ma, da padre, non posso fare diversamente. Mi appello alla vostra sensibilità e ringrazio, sin d’ora, tutti coloro che hanno dedicato un po’ del loro tempo, anche solo per leggere queste righe. Le spese sostenute saranno tutte documentate e pubblicate”.

Codice Iban per la donazione: IT06B0760105138246276446279

causale= Donazione Federico Cetrullo.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.