Banner Top
Banner Top
Banner Top

Guerra e Resistenza in Abruzzo

felice rodomonti“La benemerita sezione di Vasto non chiuderà i battenti, almeno fino a quando ci sarò io”. È stato il generale Carlo Palumbo, Presidente provinciale dell’Anmig di Chieti e vicario regionale dell’Associazione Nazionale dei Mutilati ed Invalidi di Guerra, a far tirare un sospiro di sollievo agli iscritti vastesi dell’organizzazione, che hanno partecipato numerosi al convegno sul tema “Guerra e Resistenza in Abruzzo”, con lo storico Costantino Felice appassionato relatore.
Nella sede di via Leopardi, per l’occasione tirata a lucido dal “Gruppo Femminile del Sorriso”, laboriose iscritte all’associazione, il fiduciario di sezione, l’ingegner Alessio Ciffolilli, ideatore ed organizzatore dell’evento, ha sottolineato l’importanza della memoria dei sacrifici e delle sofferenze dei Mutilati ed Invalidi di Guerra ed ha auspicato che la sede continui l’attività, anche attraverso le nuove iscrizioni dei loro figli e nipoti. Un pubblico numeroso e partecipe ha rivissuto alcuni dei passaggi più importanti del secondo conflitto mondiale e della lotta partigiana in Abruzzo, con la Brigata Maiella, e non solo, in primo piano.
“L’Abruzzo – ha detto tra l’altro il professor Costantino Felice – ha segnato pagine fondamentali nel conflitto”, pagine che purtroppo la moderna storiografia, anche quella più autorevole, ha sempre ignorato. Tra gli ospiti, con il generale dei carabinieri, Gianfranco Rastelli, c’erano la parlamentare del Pd, dottoressa Maria Amato, e il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna. Appassionate le riflessioni dell’onorevole Amato, pronta a rinverdire i ricordi del papà, militare nei sommergibili della Marina Militare e dello stesso primo cittadino. E si è commosso fino alle lacrime, Luciano Lapenna, che dell’Anmig è da tempo socio, quando ricordando papà Alberico, mutilato di guerra e di recente scomparso, ha evocato lo spirito di chi, oggi come nel passato, è pronto a lottare per tenere alti i valori della Patria.
La serata infine è stata impreziosita da un momento musicale, con l’ esecuzione di brani classici della melodia italiana, eseguiti  dal trio formato dal  maestro Silvano  Muratore, il soprano  Noriko Oto  e dalla  violinista  Mayumi  Muratore. “Non si è trattato di una mera operazione nostalgica – ha detto in conclusione, soddisfatto, il presidente Palumbo – posto che gli interventi, la dotta e rigorosa relazione del professor Felice, sono stati di alto profilo storico ed umano”. Due ore che senz’altro hanno arricchito il pubblico in termini di cultura, passione civile, impegno sociale.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.