Banner Top
Banner Top
Banner Top

Il Comune corra ai ripari

Vasto MarinaA distanza di circa un mese stamane, in apertura del nostro giornale, siamo tornati ad occuparci dello stato in cui versa parte del lungomare di Viale Dalmazia, nel cuore di Vasto Marina, tra la Chiesa Stella Maris e l’imbocco con il lungomare Cordella. Lo abbiamo fatto con riferimenti fotografici ed assecondando numerosi e numerosi concittadini che dalla fine della scorsa estate ci chiedono di denunciare lo stato di abbandono in cui versa quello che dovrebbe essere il cuore pulsante della marina. Passi per le palme che stanno morendo, passi per il verde pubblico che non vede un rastrello da più di un anno. Oramai ci siamo abituati, a Vasto da qualche anno a questa parte a sentirci dire che il Comune non ha soldi e che, purtroppo, le cose andranno sempre peggio.

Il problema, però, questa volta è un altro: in Vale Damazia diversi marmi sono spaccati, alcuni vetri rotti da tempo e lo stato di abbandono è sotto gli occhi di tutti. E questa volta non ci troviamo di fronte solo ad un fatto estetico: i parapetti sfondati, soprattutto quelli che ridanno sul parcheggio di Piazza Rodi, rappresentano un pericolo. Insomma, è il caso che l’Amministrazione Comunale intervenga in tempi ragionevolmente brevi perché in caso contrario, oltre al rischio che qualcuno possa farsi male, con ogni probabilità, tra qualche mese, con l’arrivo della bella stagione, lo scenario che si presenterà agli occhi di tutti sarà desolante. Oggi, su quel lungomare, passeggiano in pochi. Tra qualche mese ci saranno migliaia di persone. E non sarà un bel vedere.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.