Banner Top
Banner Top
Banner Top

“Usi la bocca secondo i canoni della buona educazione”

Davide D'AlessandroAssorto nella lettura di “Lezioni sulla Massoneria”, capolavoro di Fichte, debbo bruscamente interromperla (una sorta di coitus interruptus) per replicare a un comunicato di Giangiacomo, che sostiene di non voler essere mai più mio alleato. Spero l’abbia scritto in stato di sobrietà, abituale condizione del suo amico Lapenna, perché io non sono mai stato suo alleato. Io ho avuto un mio candidato sindaco e, al ballottaggio, sono stato alleato del galantuomo Della Porta. Se il ballottaggio fosse stato Lapenna-Giangiacomo, ritenendolo un ballottaggio Lapenna-Lapenna, quindi inutile, me ne sarei andato al mare. Non sono mai stato suo alleato né lo sarò nel 2016, anche perché non penso che lui voglia ricandidarsi, avendo già dato. È stato assessore, promotore di tenenti, tutti con regolarissimi concorsi interni, consigliere e candidato sindaco, pesato, contato e bocciato dai cittadini, stracciato da Tagliente, nonostante avesse il simbolo di Forza Italia e il nome di Berlusconi in pieno splendore. Non si è stancato?

Giangiacomo non ha ricevuto offese. Ha ricevuto repliche durissime alle sue offese. Gli ho detto più volte che le parole “corbellerie” e “sragionare” le può pronunciare se ha davanti a sé i suoi cari, mai il sottoscritto. Io non agisco, reagisco. Se lui in questo ultimo scorcio di legislatura userà la bocca secondo i canoni della buona educazione, potrà dormire sonni tranquilli. Come ha dormito dal 2011 a oggi. Come fa a parlare di opposizione? Di quale opposizione? L’ho visto raramente, sia in Consiglio che nelle Commissioni. Per assenteismo è secondo soltanto al Berlusconi parlamentare, ma Silvio aveva almeno la giustificazione di essere Premier.

Io non ho parlato di premiata ditta Lapenna-Giangiacomo. Quale premiata? Premiata da chi? Io ho parlato di ditta, di antica ditta, ben nota a tutti i vastesi, che non hanno l’anello né al naso né all’orecchio, una ditta che, in termini politici, ha causato tanti danni alla città e tanti ne continua a causare. Non intendo la politica come contrapposizione personale tra me e Lapenna. Se per Giangiacomo, non avere accesso all’Elenco delle posizioni debitorie non è un problema; se emettere e riscuotere fatture per noleggiare attrezzature al Teatro che si dirige, non è un problema (e lui, con una laurea in Giurisprudenza, dovrebbe ravvisare il problema); se buttare 600 mila euro su una pista ciclabile mai inaugurata e già da rifare, oltre a 40 mila euro per un video che nessuno ha mai visto, non è un problema; se versare 7 milioni di euro l’anno nelle casse di Pulchra e Civeta, un quarto del bilancio, e dare altri 2.500 euro mensili a un’associazione per raccolta rifiuti, non è un problema; se elargire assegni ad personam ad alcuni dipendenti baciati dal Padreterno e da Luciano, non è un problema; se tutto non è un problema, certo che ne risponderà al suo elettorato.

Io rispondo al mio. E chi mi ha eletto non vuole che io pratichi la politica del tamburello, della pallavolo e dell’assenteismo, delle presenze-assenze e dei documenti dettati dal capetto. Ovviamente, il mio modo di fare politica ha un costo notevole da pagare, con nemici giurati in eterno, lettere minatorie, e tante altre cose delle quali, non essendo un pulcino bagnato, altissimamente mi impipo. La politica è arte nobile, anche di compromesso, ma di compromesso alto, alto, alto. Il compromesso della ditta è rasoterra, sottoterra. È un imbroglio. E io, che prima delle “Lezioni sulla Massoneria”, ho consumato gli occhi su Machiavelli, non mi faccio imbrogliare dalla ditta.

Davide D’Alessandro
Consigliere comunale indipendente

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.