Banner Top
Banner Top

San Salvo, Sinistra falsa e in ritardo di trent’anni

comune di san salvo + spadano 600x200In questi ultimi giorni il linguaggio utilizzato da alcuni esponenti della minoranza di centro – sinistra del Consiglio Comunale e fuori da esso, ha raggiunto toni che non si ricordavano da diversi anni a questa parte. Si fanno affermazioni che sono palesemente diverse rispetto alla realtà dei fatti, come sostenere che San Salvo è sporca, che la villa comunale è abbandonata, che non c’è progettualità politica, che l’Amministrazione Comunale è alla frutta etc. È del tutto evidente che la situazione di San Salvo è l’opposta rispetto a ciò che si afferma, basta guardarsi attorno per rendersi conto di quanto le cose stiano quotidianamente cambiando in meglio, nell’ambito dei fatti che vengono citati, e non solo. Il dinamismo, l’intraprendenza e il ruolo di questa Amministrazione è così palese che coloro i quali fanno queste affermazioni provocano disappunto nella popolazione, che evidentemente non se la sente di essere presa in giro. Ma sono ancora più preoccupanti alcune affermazioni che riguardano le persone e che suscitano molte perplessità per la superficialità con la quale vengono fatte, e per le conseguenze che esse possono determinare sul clima sociale e culturale di San Salvo, ormai non più abituata a sentire espressioni  offensive e denigratorie che riportano la città alla notte dei tempi.

I motivi che hanno determinato questa involuzione espressiva probabilmente sono da ricercare in cause che possono essere comprensibili, ma non condivisibili, e che, a parere del sottoscritto si possono  così riassumere: nella percezione che alcuni esponenti della minoranza hanno  della buona amministrazione di San Salvo, e nella conseguente loro preoccupazione che il Sindaco e la Giunta, avendo imbroccata la strada giusta per  la città, stanno conducendo il nostro Comune verso risultati che ormai esso  non era abituato ad avere da diversi decenni (dai tempi della DC); nella necessità, da parte di alcuni esponenti della minoranza, di svegliarsi da un torpore che li aveva pervasi da due anni a questa parte, e che aveva evidenziato la loro assenza dalla scena politica sansalvese.

Per porre rimedio a quanto detto alcuni di loro hanno dissotterrato l’ascia di guerra, e, senza rendersi conto che i tempi sono notevolmente cambiati, rispetto a venti o trenta anni fa, hanno riutilizzato comportamenti e invettive che riportano al passato, tentando di trascinare San Salvo in una bagarre fuori luogo. Da questi comportamenti, sappiano queste persone, che la maggioranza non si farà coinvolgere e che continuerà a lavorare con umiltà, con impegno e determinazione, per il bene esclusivo dei sansalvesi, come ha fatto fino ad ora, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti, e  per far si che San Salvo possa andare a testa alta e ritornare ad essere nell’immaginario collettivo ciò che è stata nel periodo d’oro di questa splendida realtà. L’invito a moderare i toni e a confrontarsi sul terreno della sobrietà e della correttezza, pur nella diversità dei ruoli, è rivolto a quelli che, valicando i limiti del civile confronto, in virtù di impeti irrefrenabili ma non razionali, rischiano di compromettere la loro immagine e quella di una città fatta di gente dedita al rispetto reciproco e in grado di giudicare e distinguere comportamenti e affermazioni veritiere da provocazioni e illazioni gratuite e fuorvianti.

Eugenio Spadano
Consigliere Comunale

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.