Banner Top
Banner Top

Polizia municipale, è ancora scontro sulle indennità

incontro vigili - testataNonostante la disponibilità mostrata da Lapenna durante l’incontro di sabato scorso in Comune, nell’ambito della vertenza con la Polizia municipale, per la quale il primo cittadino di Vasto ha annunciato la disponibilità a riaprire le trattative, nei limiti precisati per l’occasione, per quanto riguarda reperibilità e manutenzione divise, è ancora scontro duro con il Diccap.
“Premesso che il nuovo Contratto Collettivo Decentrato Integrativo non riconosce l’attività svolta dal personale della Polizia municipale come disagiata e o rischiosa, nonostante che i servizi svolti sono rimasti invariati rispetto al passato e sono prestati con le modalità per le quali il vecchio Ccdi riconosceva disagio e rischio, – ha infatti nuovamente attaccato il segretario regionale Walter Falzani – dica il sindaco perché ignora gli indirizzi e pareri Aran (Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni) e le sentenze di quattro Tribunali diversi che sconfessano l’unico parere Aran negativo (che è anche quello riportato dal Ministero dell’Interno e di cui si fa tanto forte il sindaco) e che affermano chiaramente che al personale di Polizia Municipale può essere legittimamente riconosciuto l’indennità di rischio e/o disagio. Dica il sindaco perché non intende approfondire l’argomento ma preferisce i ricorsi al giudice del lavoro ed esporre l’ente, e quindi i cittadini, ad ulteriori spese. Spieghi il sindaco (che afferma il contrario) perché è stato tolto solo ai lavoratori della Polizia municipale. Spieghi il sindaco perché non vengono rispettate le disposizioni di legge in materia di Polizia locale e Sicurezza sul lavoro”.
In conclusione, per il Diccap, “le richieste dei lavoratori della Polizia municipale devono e possono essere accolte. È solo un problema di volontà del sindaco che evidentemente non c’è, a qualunque costo. Invitiamo la parte politica sensibile, con senso istituzionale, e i cittadini a rivolgere le giuste accuse e richieste al sindaco”.
Il sindaco, però, mantiene la linea già espressa sabato mattina: “Il Comune di Vasto si atterrà alle prescrizioni in materia formulate dal Ministero dell’Interno le quali vietano, in modo inequivocabile, di accogliere le richieste del Diccap. Le stesse disposizioni ministeriali sono fondate su letteratura e orientamento giurisprudenziale esattamente contrario alle sentenze citate dal sindacato Diccap”.
Per quanto riguarda eventuali ricorsi, Lapenna precisa che non c’è alcuna sua specifica volontà di ricorrere al Giudice del Lavoro per risolvere la vertenza sindacale in corso: “Tale scelta, quindi, non è nelle volontà della Pubblica Amministrazione cittadina, ma rimane nella libera e autonoma scelta del sindacato Diccap”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.