Banner Top
Banner Top

Cupello, i primi 100 giorni di amministrazione Marcovecchio

Municipio_Cupello_1Dopo cento giorni è doveroso fare un bilancio.
Certamente il tempo è poco per raggiungere traguardi importanti, ma è abbastanza per valutare l’atteggiamento, la voglia e l’impegno nel fare le cose.
A Cupello, mentre la maggioranza fa fatica a organizzarsi e Pollutri passa dagli ammiccamenti della campagna elettorale fino a sdraiarsi alle scelte di Marcovecchio, il Cambiamento affronta i temi più urgenti della nostra realtà. Il Gruppo Consiliare con la Lista Civica e il Comitato Civico, forte del risultato elettorale di ben 900 voti liberi e sinceri, si è subito messo a lavoro. Gli argomenti più sentiti dai cittadini sono stati messi al centro del dibattito pubblico e posti al confronto con l’Amministrazione. Ambiente e salute, tasse e spesa pubblica, lavoro e disoccupazione, su questo il Cambiamento ha avviato le proprie battaglie, dentro e fuori il Consiglio Comunale.

Sull’ambiente e sulla salute dei cittadini.
Il 25 giugno, a dieci giorni dall’insediamento, con una doppia mozione consiliare, abbiamo chiesto all’Amministrazione Marcovecchio di prendere una posizione chiara su due minacce per il nostro territorio e la nostra salute. Dire un no chiaro e per sempre all’Inceneritore (o Termovalorizzatore) a Cupello, e dimostrare la contrarietà assoluta alla discarica per rifiuti tossici e nocivi nei pressi del CIVETA, su suolo di Furci. Sui rifiuti tossici e nocivi, grazie a noi del Cambiamento, Cupello si è schierata con i Comuni contrari. Pollutri era il solo Sindaco della zona a esserne favorevole. Infatti, l’ex-sindaco, già visto a scambiare la qualità dell’ambiente e la salute dei cittadini con quattro soldi di compensazioni ambientali e un po’ di foto con personaggi noti alle cronache, faceva da sponda alle lobby e agli affaristi che vogliono portare a due passi da noi rifiuti tossici da tutta Europa. Sul Termovalorizzatore la battaglia è ancora accesa, da Marcovecchio abbiamo avuto solo giochi di parole e una “porta aperta” a speculatori e comitati d’affari. Il Partito dei Veleni vuole mettere le mani su Cupello, questo noi non lo permetteremo.

Sulle tasse e sulla spesa pubblica.
Prima sulla TA.RI. e poi sulla TA.S.I., il Cambiamento si è opposto all’atteggiamento vago e superficiale avuto dalla maggioranza. Ai Consigli Comunali di luglio e settembre, le scelte sul tema tasse sono passate come obbligate dall’alto, come puro atto tecnico. Sappiamo che non è così, la politica deve valutare e indirizzare, a Cupello, invece, tutto è posto come un problema di ragioneria. Se non si vuole pesare sempre e solo sulle tasche dei cittadini si deve colpire gli sprechi e i privilegi. Noi restiamo in attesa e quando avremo tutte le bollette tra le mani sapremo se i sospetti di aumento saranno stati fondati. Far quadrare i bilanci aumentando le tasse non è difficile, ma trovare qualcuno che riduca gli sprechi è raro. La sola risposta del Sindaco è stata l’annunciata “caccia agli evasori”. Vuole “stanare” chi non paga affinché ognuno paghi il giusto. E anche su questo staremo a vedere. Cupello è una piccola realtà, già si conosce chi paga e chi no. Vedremo, dopo questa “stagione venatoria”, se avere gli evasori disponibili come riserva di voti farà più gola della giustizia fiscale.

Sul lavoro e sulla disoccupazione giovanile. Garanzia Giovani.
Il lavoro vero. Lo dicevamo nelle piazze e lo ripetiamo anche adesso. Si parli di lavoro vero. Attraverso il programma Garanzia Giovani, abbiamo portato a Cupello una ventata di speranza. Il 28 agosto abbiamo realizzato un incontro-dibattito sul lavoro e i giovani. Esperti hanno illustrato il programma ministeriale di cui siamo stati primi promotori. Garanzia Giovani assicura a imprese e giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni vere opportunità di formazione e lavoro retribuito. La folta partecipazione di pubblico e le numerose manifestazioni di interesse hanno sancito la validità dell’iniziativa e premiato la modalità seria e rispettosa con cui si è scelto di parlare di lavoro. Diverso dalle promesse e dai ricatti della campagna elettorale, lavoro vero appunto. Il lavoro vero non è quello che serve al politico di turno per fare carriera. Il lavoro vero non è il posto fasullo dei “carrozzoni pubblici” pagati con le tasse dei cittadini. Il lavoro vero non è quello scambiato con la salute dei lavoratori e la qualità dell’ambiente.

Sui vecchi sistemi.
Marcovecchio come Pollutri ha applicato la surroga. Perché a Cupello si applica questo “rituale” abilmente introdotto dalla precedente amministrazione? Nessun regolamento lo impone e nessuna incompatibilità si ravvisa tra la carica di Assessore e quella di Consigliere. Quindi, perché far dimettere chi è stato legittimamente scelto dagli elettori? Per noi, questa danza al chi entra e chi esce ha due chiare motivazioni. La prima è dare una “mancetta” ai candidati che non ce l’hanno fatta con i voti veri e la seconda è che gli assessori, una volta fatti dimettere da consiglieri, subiranno passivamente tutte le volontà del Sindaco, pena la revoca e quindi il ritorno a casa. Vecchi sistemi, vecchi linguaggi, accentramento di potere e intimidazione. Miopia e avidità, consumismo di valori e sfruttamento dell’ambiente. Il “pollutrismo” ha solo cambiato faccia, anzi, nemmeno quella. Infatti al Consiglio Comunale l’ex-sindaco vota “come uno di loro”.

Sulla nostra Associazione.
Noi crediamo che un altro modello di convivenza sia possibile. Raccogliendo l’eredità del Comitato Cittadino e della Lista Civica, abbiamo cominciato a lavorare alla nascita di un’Associazione di Promozione Sociale. Identità, ambiente, cultura e lavoro sono i temi centrali del nostro progetto. Attraverso una serie di eventi, già in programma da qui a fine anno, porremo all’attenzione di tutti le finalità e i valori che crediamo siano alla base di un vivere civile, moderno e nel rispetto delle future generazioni. Senza limiti di età, senza distinzione di sesso, razza e orientamento religioso, l’associazione si rivolge a tutti i cittadini di Cupello e delle realtà a noi vicine, per lavorare insieme alla costruzione di un Laboratorio Territoriale di cittadinanza attiva. L’esperienza sociale e lavorativa di ognuno, le proprie qualità umane e spirituali, i valori di comunità e di condivisione devono contrapporsi alla logica dei partititi, alla politica dei simboli e all’antichità delle ideologie. L’Associazione è un luogo libero e aperto, forte degli insegnamenti del passato che si muove veloce verso il futuro.

In conclusione, auguriamo al Sindaco di metabolizzare rapidamente la presenza a Cupello di una vera opposizione. Cosa che qui non si vedeva da oltre quarant’anni. Vogliamo anche rassicurarlo che saremo sempre presenti e propositivi, duri se necessario e aperti al dialogo quando le scelte andranno a vantaggio di tutti i cittadini e non dei soliti noti.
E sempre al primo cittadino diciamo anche di stare sereno, che non ha vinto una gita fuori porta e a Cupello non avrà tempo di annoiarsi, di questo, se ne faccia presto una ragione!

Il Gruppo Consiliare e l’Associazione “Il Cambiamento”

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.