Banner Top
Banner Top

TASI, per Lapenna “demagogiche, ridicole e grottesche, le accuse di una parte dell’opposizione”

consiglio comunale-11 novembre 2013-lapenna-sputoreNon poteva che giungere prontamente la risposta del primo cittadino di Vasto alle accuse lanciate ieri dalle minoranze prima in Consiglio comunale e, poi, a mezzo stampa sull’applicazione della TASI. Un Lapenna che definisce “demagogiche, ridicole e grottesche, le accuse di una parte dell’opposizione relativamente all’approvazione da parte del Consiglio comunale di Vasto della TASI – Tassa sui Servizi Indivisibili”.

“Demagogiche – aggiunge il sindaco di Vasto –  perché i servizi indivisibili che prima potevano essere garantiti con le rimesse dello Stato italiano adesso potranno essere garantiti soltanto dalla TASI. Infatti, a partire dal 2014, lo Stato centrale ha tagliato ed eliminato ogni forma di rimessa alle amministrazioni locali in materia di viabilità, circolazione stradale, illuminazione pubblica, servizi di protezione civile, parchi, verde pubblico, tutela dell’ambiente, polizia locale, urbanistica, arredo urbano, gestione del territorio e servizi connessi. La TASI, pertanto, diventa non solo obbligatoria, trattandosi di legge nazionale, ma addirittura necessaria. Se oltre alla demagogica propaganda l’opposizione facesse qualche proposta e suggerisse qualche idea su come reperire i circa €3.000.000 milioni di euro per garantire questi servizi indivisibili sarebbe più utile per tutti i cittadini e ne guadagnerebbe il dibattito, fermo alla solita e stucchevole propaganda.

Ridicole: perché il Comune di Vasto ha, di fatto, e unicamente, accolto una legge nazionale che riguarda i servizi rivolti alla collettività. Su 8057 comuni italiani, ad oggi, soltanto Positano (SA) e San Lorenzo Bellizzi (CS), rispettivamente 3988 e 685 abitanti, hanno deciso di non applicare la TASI. Invece, tra tutti i Comuni medio grandi della nostra regione Vasto applica l’aliquota minima prevista dalla legge, l’uno per mille, mentre altri comuni applicano aliquote ben superiori, oltre le addizionali, vedi San Salvo (1.7%), Lanciano (1.9%), Chieti (2.5%).

Infine, grottesche: perché mentre tra assenze, astensioni e distinguo, l’opposizione non perde occasione per dimostrare la sua frantumazione e la sua disomogeneità politica (ieri sulla TASI i Consiglieri Bischia, Desiati e Giangiacomo erano addirittura assenti, mentre Della Porta e D’Adamo si sono astenuti), la maggioranza continua, da sempre, a registrare un voto unanime sui singoli provvedimenti posti all’attenzione del Consiglio comunale, così come testimoniano i verbali di seduta. Anche qui, sarebbero opportune una maggiore onestà intellettuale e una minor, quanto inutile e dannosa, disinformazione”.

In effetti l’assenza dei tre consiglieri di minoranza, soprattutto dei due di Progetto per Vasto che in questi giorni avevano firmato comunicati stampa e la proposta di non introduzione della nuova tassa aveva lasciato perplessi già ieri mattina i pochi presenti alla seduta della Assise civica, così come il duro rimbrotto di Etelwardo Sigismondi a Mario Della Porta evidentemente reo di non aver sostenuto in Aula la posizione del centrodestra con la sua astensione dal voto. Insomma acque tese tra i banchi della minoranza.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.