Banner Top
Banner Top

Il Comune di Vasto introduce la TASI. La prima rata va pagata entro il 16 ottobre.

TASIÈ stato un Consiglio comunale relativamente breve quello celebrato stamane nell’Aula consiliare di Palazzo di Città, ma che aveva all’Odg una delle tematiche più sentite dalla cittadinanza in particolare in questi momenti di grande difficoltà, ovvero l’approvazione del Regolamento TASI, la nuova Tassa sui servizi indivisibili che dovrebbe coprire le spese comunali per manutenzioni, illuminazione e via discorrendo e che, di fatto, prende il posto della vecchia IMU.

Il Comune di Vasto, quindi, potrà richiedere il pagamento della prima rata del nuovo tributo entro il 16 ottobre con il saldo in calendario entro il 16 dicembre.

È stato un confronto serrato quello vissuto in aula con l’opposizione che già nei giorni scorsi aveva chiesto la non applicazione della TASI in virtù della situazione di crisi contingente, una posizione non condivisa dalla maggioranza che con quattordici voti favorevoli, cinque contrari e due astenuti porta a casa l’applicazione della nuova tassa difendendo il proprio operato che ha portato a mantenere l’aliquota minima pari all’1 per mille. Per quanto concerne gli immobili locati, il 25 per cento sarà a carico degli inquilini, il 75 per cento a carico dei proprietari.

La base su cui calcolare gli importi restano i dati catastali della ex IMU, ma secondo gli analisti probabilmente vi sarà un aumento del dovuto alle Casse comunali.

Una mazzata la quota ricadente sugli inquilini che vedono così praticamente vanificare i vantaggi fiscali (a livello di detrazioni IRPEF) garantiti dal loro status.

Per quanto è dato sapere sono introdotte detrazioni  e riduzioni per l’abitazione principale; per le pertinenze dell’abitazione principale; per ciascun figlio di età non superiore a ventisei anni, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale dal possessore; per i cittadini italiani iscritti nell’Anagrafe degli italiani residenti all’estero “AIRE” a condizione che la stessa non risulti locata.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.