Banner Top
Banner Top

Ieri l’incontro tra il presidente della Sasi Scutti e i sindaci di Lanciano e Vasto

Scutti_Domenico
Domenico Scutti

È stata una prima tornata di incontri quella che ha caratterizzato la giornata di eri del presidente del CdA della Sasi SpA Domenico Scutti alle prese con un confronto coi sindaci del territorio teatino in vista della fusione della società che gestisce la distribuzione dell’acqua nel territorio frentano-vastese con la ISI.

Ieri pomeriggio Scutti ha incontrato il sindaco di Lanciano Mario Pupillo per un confronto sereno e costruttivo, nel corso del quale ha ribadito la massima disponibilità ad affrontare le proposte di tutti i comuni.  Tra gli argomenti dell’incontro, cruciale la questione fusione Isi/Sasi, per la quale Scutti ha già assunto un impegno nel corso di una recente assemblea, incaricando inoltre l’avvocato Montanino di produrre una proposta che tenga conto delle indicazioni della Regione.  ”Siamo sinceramente grati al sindaco Pupillo per l’invito e per l’atteggiamento propositivo – ha sottolineato Scutti – così come ringrazio il sindaco di Vasto Luciano Lapenna, presente all’incontro,  per essere da sempre punto di riferimento costante e pungolo a fare meglio e di più. Ho sempre detto che i sindaci sono i veri protagonisti della rinascita della Sasi, senza di loro non avremmo fatto passi in avanti”.

“Non mi sono mai sottratto al confronto anche quando è stato duro e appassionato. La prossima settimana – ha spiegato il presidente Sasi –  incontrerò un altro nutrito gruppo di sindaci che, mi hanno chiesto di poter presentare idee e proposte che possano contribuire al lavoro dell’avvocato Montanino, per definire la proposta di fusione che verrà presentata all’assemblea dei soci per la discussione finale. Il nostro lavoro è sempre teso al miglioramento del servizio e al rispetto delle tematiche ambientali”.

Tenendo fede a quanto anticipato il giorno prima in conferenza stampa il sindaco di Vasto Luciano Lapenna ha chiesto alla Sasi maggiore attenzione per la città più grande del territorio gestito dall’Ente ed “al quale versiamo oltre 5 milioni di euro l’anno”. Lapenna ha chiesto il potenziamento della depurazione, una richiesta condivisa con la vicina amministrazione di San Salvo; il potenziamento delle reti fognarie, sulla scia di quanto già fatto dal Comune per via Alborato, S. Lorenzo, Incoronata e Fonte Fico; il miglioramento delle reti idriche, nonostante sia migliorato l’approviggionamento; il miglioramento del ripristino degli asfalti in caso di intervento sugli impianti.

Intanto, quest’oggi Scutti incontra  il neo assessore regionale Mario Mazzocca, “per avere indicazioni urgenti circa la gestione della depurazione nei comuni aderenti alla società, tutto questo per non creare problemi ai sindaci già oberati da guai di ogni genere”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.