Banner Top
Banner Top

Celebrata a L’Aquila la prima seduta del Consiglio regionale della X legislatura

Consiglio regionale

Consiglio regionaleConvocata dal consigliere anziano, il vastese Mario Olivieri, si è tenuta la prima seduta della X legislatura del Consiglio regionale d’Abruzzo alla presenza di tante autorità a cominciare dal ministro per gli Affari regionali, Maria Carmela Lanzetta, il sottosegretario a ministero dell’economia e della Finanza Giovanni Legnini, le senatrici Stefania Pezzopane e Federica Chavaroli, i deputati Antonio Castricone e Paolo Tancredi; presenti anche tutti gli ex presidenti della Regione Anna Nenna D’Antonio, Romeo Ricciuti, Antonio Falconio e Giovanni Pace (assente Ottaviano Del Turco ancora alle prese con la condanna per Sanitopoli); e, per finire, i presidenti emeriti del Consiglio regionale Giuliano Giuliani, Vincenzo Del Colle, Umberto Aimola, Egidio Marinaro, Gianni Melilla, Giuseppe Tagliente e Nazario Pagano, e molti amministratori locali tra cui il sindaco di Vasto Luciano Lapenna.

Il primo passaggio importante della giornata odierna dopo il discorso pronunciato dal ministro Lanzetta e quello di augurio pronunciato da Mario Olivieri è stata l’elezione dell’Ufficio di presidenza, avvenuta senza alcuna sorpresa. Nei prossimi 5 anni la guida dell’Emiciclo sarà affidata a Giuseppe Di Pangrazio (Pd), eletto al primo scrutinio con 25 voti favorevoli, ovvero quelli di tutti i consiglieri presenti ad eccezione dei 6 del Movimento 5 Stelle che hanno votato scheda bianca.

Al suo fianco i vice-presidenti Lucrezio Paolini (IdV) e Paolo Gatti (Fi) e i consiglieri segretari Alessio Monaco (Regione Facile) e Giorgio D’Ignazio (Ncd-Udc).

Nomine che hanno fatto infuriare il Movimento 5 Stelle che nelle scorse settimane aveva chiesto, come secondo partito del Consiglio, l’attribuzione delle cariche di controllo, come una vicepresidenza, un consigliere segretario e la presidenza della Commissione di Vigilanza.

Volontà ribadite stamane da Sara Marcozzi con i grillini a sostenere per la vice-presidenza prima Gianni Mercante e, poi, Domenico Ranieri con la richiesta al centrodestra di non partecipare al voto. Una richiesta rimandata al mittente dal capogruppo di Forza Italia Mauro Febbo e il M5S che abbandonava l’aula in segno di protesta.

Insomma, una seduta movimentata fin dalle prime battute.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.