Banner Top
Banner Top
Banner Top

In Consiglio comunale Lapenna bacchetta i Vigili, il centrodestra e il Consorzio di Bonifica

Lapenna-vigili_testIl Consiglio comunale di ieri mattina ha rappresentato anche un momento per alcune riflessioni di Luciano Lapenna pungolato dalle opposizioni. Tralasciando la querelle sul Conto consuntivo tre passaggi ci sono sembrati significativi colti tra i vari interventi compiuti dal primo cittadino.
Il primo di carattere meramente politico nel quale Lapenna ha parlato di un “centrodestra vastese i cui partiti sono ridotti al lumicino” ed ha espresso sincera soddisfazione “per il risultato elettorale del centrosinistra che da quando sono stato diventato sindaco non ha perso neanche una elezione nella nostra città che vota in modo compatto centrosinistra”.

Il secondo punto evidente è stato l’affondo alla gestione del Consorzio di Bonifica in particolare contro il presidente Fabrizio Marchetti “che da mesi non riesce a pagare i debiti e non riesce nemmeno a trovare risorse per mettere a posto il ponticello di Mottagrossa. Non ci spetterebbe, ma lo sistemeremo noi. E anche la manutenzione del vallone Lebba tocca al Consorzio di Bonifica ed è proprio l’assenza di queste opere che ha le conseguenze che si vedono sula pista ciclopedonale.”

Sul Bilancio Lapenna ha riferito come non sia stato ancora presentato, “ma lo sarà si spera entro i primi quindi giorni di luglio”, per colpa degli “intoppi dovuti ai Decreti legge in materia di Enti locali che si susseguono ogni giorno” ed ha intanto dedicato un breve ma significativo passaggio alle esternalizzazioni che “hanno consentito un grande risparmio per le nostre casse”.

Infine, il capitolo dolente quanto annoso della questione Vigili urbani. Il primo cittadino di Vasto ha riferito dell’incontro tenuto dinanzi al Prefetto di Chieti Fulvio Rocco De Marinis nel quale ha “chiarito che quanto fatto dall’Amministrazione comunale è pienamente legittimo rispetto a certe indennità che non possono essere più date”. “Finalmente – ha aggiunto Lapenna – grazie al lavoro dei nostri dirigenti avremo un contratto integrativo con una ripartizione equa del fondo integrativo di 700 mila euro che rappresenta la parte variabile della paga; ci portiamo avanti anni di benefici che di fatto significavano che il 35-40% del fondo venisse distribuito esclusivamente al Corpo dei Vigili. Nessuno vuole togliere niente al merito dei nostri vigili – ha chiosato il sindaco – che oggi fanno un lavoro molto complicato e lo dimostrano i 32 mila euro che mettiamo a disposizione per ulteriori indennità”. Una visione che è stata recepita dai sindacati Cgil-Cisl-Uil ma non da “un manipolo di Vigili” (chiaro il riferimento al DiCCAP).

Lapenna ha annunciato anche il pugno duro sul servizio estivo: “sappiamo bene che bisogna rivedere gli orari prevedendo il terzo turno. Se troveremo un accordo sulle indennità bene, altrimenti si farà il terzo turno con le otto ore a disposizione”. E, poi, ha aggiunto: “non tornerò dinanzi al Prefetto perché fare accordi dinanzi a lui significherebbe scontentare gli altri 150 dipendenti comunali. Non si possono più fare accordi sottobanco”.

Sul futuro del Corpo ha, infine, evidenziato come “nel rapporto Vigili – abitanti non siamo certamente messi peggio degli altri comuni abruzzesi. Nonostante tutto stiamo valutando la copertura per assumere con contratto a tempo determinato da 10 a 13 vigili e predisponendo un bando per l’assunzione di tre Vigili a tempo indeterminato per rimpiazzare coloro che sono usciti dal servizio”.

Insomma, un Lapenna che, sotto il fuoco incrociato delle minoranze, non ha risparmiato proprio nessuno.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.