Banner Top
Banner Top

Da consumatore a pusher, arrestato dalla Polizia

Commissariato_1Aveva escogitato un piano perfetto per evitare il carcere il pusher arrestato dalla Polizia nei giorni scorsi.
Sapeva benissimo che per la modica quantità di sostanza stupefacente non è previsto l’arresto e allora per smerciare, di volta in volta si recava presso la propria abitazione, prelevava la dose e la vendeva al compratore di turno.
Il giovane però non sapeva che da tempo era tenuto sotto osservazione dalla Squadra Anticrimine del Commissariato di Vasto, coordinata dal dirigente, il dottor Cesare Ciammaichella.
Gli agenti lo ritenevano al centro di un giro di spaccio di eroina, distribuita negli ambienti frequentati dagli affezionati consumatori. Tra l’altro era già stato arrestato lo scorso 2013 sempre per attività di spaccio di stupefacenti. Altre volte le modiche quantità di droga che gli erano state sequestrate, non avevano consentito l’adozione di provvedimenti più severi e questo gli era bastato per continuare a spacciare senza finire in carcere poiché, in quel caso, la Legge si limita alla sanzione amministrativa irrogata dalla Prefettura.
L’intenso servizio di pattugliamento nei luoghi più frequentati dal pusher aveva consentito agli operatori di constatare che questi era un soggetto attivo nella pratica dello spaccio.
Nei giorni scorsi, gli operatori hanno visto l’uomo che si aggirava nel cantiere di un edificio in costruzione e, dopo essersi guardato bene intorno, come per assicurarsi di non essere visto, è entrato all’interno. Gli Agenti, insospettiti da tale comportamento, hanno aspettato che uscisse dall’edificio per poi seguirlo. Quando è arrivato quasi nei pressi della propria abitazione, hanno deciso di controllarlo, tanto più che l’uomo, intuiti i sospetti nutriti nei suoi confronti, ha cercato di disfarsi di un involucro di colore bianco. Gli agenti, però, l’hanno prontamente  bloccato prima che effettuasse il lancio del sacchetto verso alcuni giardinetti adiacenti. All’interno del sacchetto è stata ritrovata sostanza stupefacente del tipo eroina.
A quel punto gli operatori hanno proceduto alla perquisizione personale, estesa anche all’abitazione del pusher dove, in una scatola di metallo tenuta in bagno, è stato trovato un ulteriore quantitativo di stupefacente e il relativo materiale per il confezionamento. Lo stupefacente, circa 46 grammi, è stato sequestrato. La Polizia Scientifica, attraverso gli esami di laboratorio, dovrà accertarne il principio attivo.
L’uomo aveva pensato di movimentare piccoli quantitativi di droga, sapendo bene che tali modalità riducono i rischi in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine, perché il possesso di modiche quantità di droga può essere giustificato dall’ “uso personale”.
Nella circostanza, le precauzioni prese dallo spacciatore non sono bastate, grazie al lavoro svolto dagli operatori della Squadra Anticrimine che, con assidua determinazione, hanno seguito l’indagine inchiodando lo spacciatore alle sue responsabilità.
Per il giovane, di anni 34, identificato per D.L.L., con precedenti di Polizia soprattutto in materia di stupefacenti, si sono aperte le porte del carcere. È stato associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’A.G. Dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.