Banner Top
Banner Top

Schiavi d’Abruzzo: una bufera politica si abbatte sulla Festa del Vento

BANDIERA EUROPA SPARITAÈ con una nota polemica che si è aperta la Festa del Vento organizzata a Schiavi d’Abruzzo dalla Enercon Gmbh e dalla società vastese Floew Srl. A sollevarla è il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Luca Ninni e riguarda due punti dei passaggi organizzativi, in particolare inerenti la pubblicità dell’evento.

«Nei giorni scorsi, in paese, i dipendenti comunali, in orario di servizio e utilizzando mezzi di proprietà dell’ente, hanno tappezzato le strade con bandierine della cosiddetta Festa del vento – dichiara polemico il consigliere Ninni – Chiedo perché si debbano usare uomini e mezzi comunali per una festa organizzata da privati. Non accuso i dipendenti, ovviamente, che hanno solo eseguito degli ordini, ma chi ha impartito loro quelle direttive. E come se non fosse già grave quanto accaduto, oggi vedo che anche il monumento ai caduti è stato vilipeso con l’affissione al suo interno di bandierine della Festa del vento. Siamo alla follia. Dentro il monumento ai caduti dovrebbero esserci solo le bandiere delle istituzioni, Europa, Regione, Provincia e Comune, non certo gli stracci delle ditte private. E’ un luogo di rispetto, non uno spazio pubblicitario. E anche sulla facciata del Municipio hanno tolto la bandiera dell’Europa per fare spazio a quelle dei signori del vento».

E intanto in queste ore molte scuole di Abruzzo e Molise stanno partecipando alla Festa del vento, almeno secondo le previsioni degli organizzatori. Un evento di sensibilizzazione sulle energie rinnovabili che non piace a molti, proprio per il coinvolgimento delle scuole.

«Non capisco perché nell’Alto Vastese si debbano continuare a concedere spazi ai signori del vento – continua il consigliere Ninni – E addirittura si coinvolgono anche le scuole in una festa che altro non è che un tentativo di inquinare e influenzare le coscienze dei più piccoli. La nostra regione, secondo i dati del Gestore Servizi Energetici, società pubblica controllata dal Ministero dell’economia, aggiornati al 2012, è tra le regioni in Italia che supera la quota richiesta come energia prodotta da energie rinnovabili secondo lo schema del Burden Sharing e il PAN- Piano di Azione Nazionale→ direttiva 2009/28/CE.  Tale quota mediamente in Italia tocca la soglia del 23%, e in Abruzzo arriva al 33%. Notizie riportate anche dalla stampa. Le spiegheranno queste cose  ai bambini? Dubito».

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.