Banner Top
Banner Top

Sanità, a Celenza sul Trigno è l’ora della protesta

Claudio Spalletta
Claudio Spalletta

“L’esperienza che oggi stiamo vivendo sarà ricordata come punto di partenza di un cammino di impegno sociale festoso, propositivo e coinvolgente che sa aggregare tante anime e tanti cittadini attorno a battaglie comuni”. Così Claudio Spalletta, del comitato “Terremoto Civico” di Celenza sul Trigno, che ieri mattina si è attivato per una manifestazione di protesta nelle immediate vicinanze della Trignina, per protestare contro la chiusura della sede di continuità assistenziale.
Dopo aver ripercorso le tappe di preparazione della manifestazione, con la delusione per non aver potuto portare a termine l’evento, come programmato, ovvero col blocco almeno parziale della Trignina, Spalletta ha tenuto a sottolineare: “Siamo andati avanti, ha prevalso l’orgoglio, la voglia di dimostrare che qui non si scherza, che qui ci sono cittadini che vogliono rimanere nel proprio paese e lottare contro quelle politiche che invece di tutelarci sembrano puntare al definitivo spopolamento dei nostri comuni”.
Solidale con i propri cittadini in protesta, l’amministrazione comunale, presente ieri mattina nelle persone del sindaco Andrea Venosini e molti tra assessori e consiglieri. Presenti anche rappresentanti politici di Torrebruna, tra cui un gruppo di candidati alle prossime amministrative che sostiene la lista di centrodestra guidata da Placido Pelliccia, e un gruppo della giovanissima lista del Colletivo d’Azione Territoriale, tra cui Luigi D’Ettore e Denise Marianacci, che sostengono la candidatura di Beniamino Pacilli. Presente anche il candidato alle Regionali per il M5S di Ortona, Tiziano Torzi, mentre Domenico Molino, candidato del Pd, ha fatto solo una fugace apparizione, per via di qualche parola non propriamente accogliente volata al suo arrivo.
“Questa grande partecipazione – ha commentato il sindaco Venosini durante la manifestazione – dimostra la sensibilità e la profonda comprensione dei problemi che hanno i nostri cittadini, che oggi rivendicano i propri diritti base, che nell’ambito della Sanità vanno dalla medicina di base, alla continuità assistenziale, alla specialistica e all’emergenza. Non si può affrontare il problema tagliando uno dei settori, ma deve essere tutto affrontato in modo organico. Auspico che ci sia un dialogo aperto con i sindaci, in termini di trasparenza e approccio territoriale”. In ambito regionale, invece, Venosini ha sottolineato che “accontentare qualcuno per criteri politici non è certamente la chiave di lettura che un amministratore regionale deve avere su queste problematiche. Il territorio è uno solo e deve essere gestito in modo organico, anche alla luce di quelli che saranno i progetti strategici nazionali sulle aree interne”.

n.l.

  • sit in-celenza sul trigno - 02
  • sit in-celenza sul trigno - 15
  • sit in-celenza sul trigno - 08
  • sit in-celenza sul trigno - 10
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.