Banner Top
Banner Top

Vastoviva: “No all’Ospedale di Chieti, la pianificazione della rete ospedaliera va rispettata!”

Bucciarelli_Angelo“Chieti pigliatutto: questo sarebbe l’effetto di un progetto di finanza,  senza riferimento alla pianificazione della rete ospedaliera e della offerta sanitaria pubblica per l’Abruzzo, per la cui realizzazione si chiede  alla Regione la dichiarazione di “Pubblica utilità'” per la costruzione di un nuovo ospedale a Chieti per un impegno di circa 200 milioni di euro che verranno ripagati con la gestione dei servizi (tutti i servizi!) di tutta la Asl, dunque anche di Vasto e Lanciano”. L’Associazione Vastoviva proprio non ci sta alle scelte che il manager della Asl Zavattaro ha assunto con il bene placito della Regione e si dichiara “fortemente contraria” al project financing  presentato dll’associazione di imprese Finanza e Progetti Spa, Nocivelli Spa, Studio Altieri e del gruppo Maltauro  (Enrico Maltauro, amministratore delegato del gruppo è stato arrestato ieri a Milano nell’ambito dell’inchiesta per tangenti all’Expo 2015). “Ancora una volta si accentrano le risorse sulla stessa parte di territorio – entra nel merito della questione il dott. Angelo Bucciarelli, che di Vastoviva è stato l’ispiratore assieme al parlamentare PD Maria Amato – qualsiasi sia il punto di partenza i fondi per la sanità pubblici o privati la destinazione e’ sempre la stessa: Chieti. Un progetto di finanza ha una base etica ben chiara, la pubblica utilità che non è un passaggio istituzionale ma è il cuore  di questo strumento. L’area sud, l’area frentano-vastese, quale pubblica utilità trarrebbero da un altro nuovo grande ospedale nel capoluogo? Nessuna ma ci metterebbe comunque le sue risorse  visto che l’investimento privato verrebbe ” ripagato” con la gestione globale dei servizi di tutta la Asl. E’ nel diritto dei privati fare una proposta, è nel dovere della politica, in questo caso, dire NO – sottolinea Bucciarelli- Che non vuole e non deve essere “un NO a prescindere” rispetto allo strumento project financing, per quanto le regioni in cui è da tempo utilizzato in edilizia sanitaria richiamino alla prudenza, ma NO perché sarebbe una nuova ulteriore scelta di non equità, l’ennesimo schiaffo a chi ormai da decenni aspetta la conclusione per l’iter del nuovo ospedale di confine”. La posizione rigida di Vastoviva scaturisce dal convincimento che realizzare l’Ospedale di Chieti significherebbe sacrificare quello di Vasto. “L’Ospedale di confine è quello di Vasto! L’unica soluzione – riprende Bucciarelli – che consentirebbe di mettere in sicurezza una parte di territorio lontano, quello in cui traumi gravi, stroke e infarto fanno ancora i morti per la distanza dal luogo appropriato per la cura: Chieti-Pescara. Questo progetto muove i passi da una idea sostenibile, il risanamento dei pilastri “malati” del Policlinico e tutto quello che di conseguenza come costi grava sul bilancio della Asl imponendo ristrettezze a tutti, ma un nuovo ospedale NO! Chi ha fatto la proposta l’ha fatta lecitamente, ma se la Direzione Generale la ritiene possibile siamo autorizzati a pensare che il Governo Regionale gli abbia dato questa come priorità: Chieti. Ormai lo hanno capito tutti, anche senza una formazione in management sanitario: il diritto alla salute è di tutti, e la salute si garantisce pianificando la rete ospedaliera con equità – conclude Bucciarelli – garantendo una rete di emergenza-urgenza efficace e organizzando e potenziando la medicina territoriale. Ci opporremo con ogni mezzo a questa nuova ingiustizia”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.