Banner Top
Banner Top

Residence Rossetti dissequestrato. La Litos chiederà il risarcimento danni

Andrea Ledda
Il dottor Andrea Ledda

All’indomani del dissequestro del Residence Rossetti, l’Immobiliare Litos è decisa a chiedere un risarcimento ai danni dello Stato. A farlo sapere è l’imprenditore Andrea Ledda anche se l’ammontare esatto del danno deve ancora essere calcolato.
La sosta forzata di sei anni dell’immobile – fanno sapere dalla Litos – ha prodotto il licenziamento di 30 lavoratori e la mancata vendita di 70 appartamenti. Il provvedimento di dissequestro è stato disposto dal Presidente del Tribunale di Vasto, Italo Radoccia e fa seguito alla assoluzione del titolare della Litos, Andrea Ledda, dall’accusa di abuso edilizio per non aver commesso il fatto.
Per il noto professionista è finita una difficile storia dopo sei anni. Difeso dagli avvocati Giovani Cerella e Vittorio La Piscopia la Litos ha vinto il ricorso al Tar. Ora resta da risolvere il contenzioso con il Comune di Vasto che, come si ricorderà, nel 2011, inflisse all’immobiliare che fa capo al dotto Ledda, una sanzione di 461 mila euro. Il sequestro dell’elegante condominio venne disposto il 28 agosto 2008. Il cantiere (settanta appartamenti divisi su quattro piani più un sottotetto, un seminterrato e due piani interrati) è rimasto bloccato per sei anni. Ingenti i danni. Ecco perché la Litos citerà per danni i responsabili di tutto quello che le è accaduto.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.