Banner Top
Banner Top

Tagli alle spese e sviluppo agricolo e turistico: i pilastri della campagna elettorale di Mauro Febbo

Punta su spending review, riduzione del debito regionale, piani agricoli e sviluppo turistico la campagna elettorale di Mauro Febbo, che ieri sera ha parlato a un centinaio di persone, in un incontro promosso dal consigliere comunale di Forza Italia Antonio Monteodorisio, di come la Regione Abruzzo sia cambiata in questi anni di Governo Chiodi. L’assessore regionale alle Politiche agricole ha parlato della riduzione del debito pubblico abruzzese dai 4 miliardi di euro del 2008 ai 3 miliardi di oggi e di quello sanitario dagli 860 milioni di euro di 5 anni fa ad 8 milioni nel 2013. E poi ha posto l’accento sulla mannaia usata per rivedere l’organizzazione istituzionale e le spese, partendo dalla riduzione del numero di consiglieri da 45 a 31, degli assessori da 10 a 6 a partire dalla nuova legislatura e dei dirigenti calati di 31 unità, il tutto mentre si cancellavano i vitalizi ai consiglieri regionali, le sedi di rappresentanza in Brasile e Romania (900 mila euro risparmiati). Per le spese sono stati tagliate quelle per la Promozione in eventi e manifestazioni da 2 milioni 850 mila euro a 605000, quelle per il funzionamento della Giunta da 325 mila a 90 mila, e quelle del Consiglio regionale da 32 milioni di euro a poco più di 25 milioni.

Punti che hanno suscitato il notevole interesse dei presenti che hanno ascoltato con attenzione anche le proposte di Febbo in merito all’Agricoltura, settore nel quale ha rivendicato come l’Abruzzo sia l’unica Regione ad aver ottenuto più finanziamenti per il periodo 2014-2020 rispetto al precedente e abbia avuto un boom dell’export nel settore agro-alimentare pari al +12,3% nel solo 2013 rispetto al 2012 con 1200 nuovi imprenditori agricoli.

Secondo le stime mostrate il settore agricolo abruzzese potrà giovarsi nel prossimo quinquennio di 800 milioni di euro di investimenti. Nell’ambito turistico, il 56enne tributarista di Chieti ha parlato della volontà di migliorare il sistema infrastrutturale a  partire dalla portualità e dall’aeroporto d’Abruzzo, di portare a termini il percorso della Viva Verde della Costa dei Trabocchi accompagnandolo con lo sviluppo delle DMC (il nuovo sistema aggregativo delle imprese e delle offerte turistiche) e l’ammodernamento degli impianti di depurazione. Punto importante, infine, l’approvazione di un piano strategico in vista dell’Expo 2015 di Milano.

  • foto
  • foto_1
  • foto_3

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.