Banner Top
Banner Top

Festa del majo a San Giovanni Lipioni e Fossalto

Il Majo a San Giovanni LipioniSi rinnovano anche quest’anno le antiche tradizioni nell’alta valle del Trigno. Uno dei riti più antichi sono le feste in occasione del 1° maggio, che trovano le migliori rappresentazioni folkloristiche nei comuni di Fossalto (Is) e di San Giovanni Lipioni (Ch). La festa di Fossalto ripropone la personificazione del “maggio” mediante un cono composto da rami e rivestito di erbe e di fiori (la Pagliara) con una croce sulla sommità, anch’essa composta da fiori. La Pagliara viene “indossata” da un uomo lasciando un’apertura per il viso.
Accompagnata da un suonatore di zampogna e da un cantore, la Pagliara gira per le strade annunciando l’arrivo di maggio, e viene accolta da getti di acqua gettata dai balconi e dalle porte di case al grido “rascia, Maje!” (abbondanza, maggio!), un gesto per invocare la pioggia e un simbolo di rinnovamento della natura. Dopo questo giro, la Pagliara viene collocata in piazza, davanti all’abitazione del parroco Don Osvaldo Rossi: la croce viene staccata e consegnata al Sindaco e dal Presidente della Pro Loco, mentre il cono viene deposto nell’orto del prete. Subito dopo tutti i presenti ricevono una zuppa di legumi, formaggio, pane e fave fresche. Durante la sfilata hanno allietato la giornata con canti, suoni e balli l’associazione folkloristica Corale LU PASSARIELLE del dinamico e sempre attento presidente Antonio Rocco.
Anche a San Giovanni Lipioni, la festa del Majo costituisce il più antico rito folkloristico-religioso San Giovannese; la festa viene rappresentata il primo maggio di ogni anno e si caratterizza di due momenti importanti: rito religioso e augurio alle famiglie del paese per una buona raccolta.
Il giorno prima, il 30 aprile, i giovani del paese raccolgono nei boschi i fiori di stagione,soprattutto ciclamini che, riuniti in piccoli mazzetti, vengono fissati su una croce inghirlandata nella Cappella di S. Liberata dove viene celebrata la S. Messa, conclusa la quale, si torna in processione alla Chiesa Madre portandovi, insieme al Majo, le statue di San Giovanni Evangelista e di S. Liberata. Qui rimarranno fino al 16 ottobre per essere ritrasferite nella Cappella Rurale il giorno dopo.

Gino Bracciale

  • Festa del Majo a Fossalto 2
  • Il Majo a San Giovanni Lipioni
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.