Banner Top
Banner Top

In Abruzzo a rischio anche la sede Rai

sede_Rai_AbruzzoUniti contro la paventata riorganizzazione delle sedi regionali del Servizio Pubblico Radiotelevisivo che il Governo ha avanzato nei giorni scorsi e che rischia di concretizzarsi con il taglio imposto alla RAI di 150 milioni di euro a partire dal 2015,  confermato nel DL Irpef nell’ottica di una spending review che investe un po’ tutti i settori pubblici.

I quattro Presidenti delle Province abruzzesi, Enrico Di Giuseppantonio, Guerino Testa, Valter Catarra e Antonio Del Corvo scendono in campo per difendere il ruolo della sede Rai Abruzzo di Pescara, preoccupati dalla notizia reiterata di un ridimensionamento o della ventilata chiusura delle sedi Rai regionali.

“Respingiamo totalmente questo ennesimo rigurgito di neocentralismo statale, che investe indiscriminatamente le Pubbliche Amministrazioni cercando di fare cassa a spese, questa volta, del servizio pubblico dell’informazione – dichiarano i  quattro Presidenti di Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, Guerino Testa, Valter Catarra e Antonio Del Corvo – La sede RAI non solo è patrimonio di tutti noi abruzzesi, ma garantisce democrazia e pluralismo dell’informazione che sono principi insopprimibili e che vengono espressi pienamente dal lavoro quotidiano che i dipendenti della Rai regionale, con professionalità,  svolgono rapportandosi con i rappresentanti del territorio e soprattutto con i cittadini”.

“Condivideremo un ordine del giorno nei prossimi Consigli provinciali per scongiurare in tempo provvedimenti che falciano il “buono” del servizio pubblico e per ribadire il concetto “Giù le mani dalla sede Rai Abruzzo” – conclude il Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, in qualità di Vicepresidente dell’UPI e Presidente dell’Unione Province Abruzzesi –  Inviterò tutti i Presidenti delle Province italiane a fare altrettanto, una mobilitazione collettiva per  mettere il freno ad una operazione che se vedrà la luce non sarà utile e semmai aprirà le porte a prevedibili conflitti di interesse. Le sedi regionali RAI svolgono in Italia un servizio importante, a difesa soprattutto dei territori più deboli e delle periferie che altrimenti non avrebbero voce”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.