Banner Top
Banner Top

Forte attacca i giornalisti, ma Del Casale e D’Alessandro lo bacchettano

conferenza stampa-bilancio 2013 - 10-forteL’assemblea pubblica del Partito Democratico vastese ha rappresentato anche l’occasione per un attacco diretto da parte del presidente del Consiglio comunale nonché uno dei decani del giornalismo vastese, Giuseppe Forte, alla stampa vastese e non solo, accusata di scrivere “puttanate”. Alle accuse mosse dall’esponente democratico ha risposto su un noto social network il segretario cittadino del Pd, Antonio del Casale, che ha scritto “Dispiace per l’attacco fatto da Peppino Forte alla stampa vastese, i giornalisti di Vasto non scrivono “puttanate” ma fanno il proprio mestiere, si possono non condividere alcuni passaggi ma bisogna SEMPRE rispettarli. Prendo le distanze, l’ho fatto anche nel corso dell’Assemblea, da questo ingiurie gratuite fatte da chi continua ad utilizzare il proprio sito e la funzione di giornalista, nonostante il ruolo istituzionale, per infangare gratuitamente o “inventare” ricostruzioni fantomatiche sulle sintesi di direttivi, riunioni di maggioranza ed assemblee. Ho invitato la stampa alla nostra Assemblea perché, nell’epoca dello streaming, il PD di Vasto si apre completamente senza timori, il percorso l’ho delineato nella mia relazione ed è ancora più chiaro dopo aver sondato anche le sensazione degli iscritti”.

Al presidente del Consiglio comunale ha risposto anche Davide D’Alessandro, in qualità di rappresentante nell’aula Vennitti, ma anche, e forse soprattutto, di giornalista con la seguente nota: “Tira un’aria che non mi piace, eppure è primavera. Non è la prima volta che alcuni giornalisti vastesi vengono criticati per il lavoro che svolgono quotidianamente con massima abnegazione. Si tende a coinvolgerli nella disputa politica, dimenticando che i giornalisti sono testimoni di quanto accade, registratori di ciò che viene inciso sui loro nastri dagli attori e dalle comparse della politica cittadina. Abbondano le smentite del giorno dopo, trascurando che il giorno prima si è dichiarato esattamente ciò che si voleva dichiarare, con totale libertà. Abbondano i fraintendimenti che nessuno, in verità, ha frainteso, se non chi ha parlato a sproposito, in Aula o in sezione, non prestando molta attenzione a ciò che ha detto.

Prendersela con i giornalisti è un vecchio vizio di chi pratica il ring della politica, mentre l’assunzione delle proprie responsabilità è uno sport poco praticato, anche a Vasto. Le Giunte si possono azzerare, i partiti o pseudo-partiti si possono fronteggiare, i consiglieri possono scambiarsi fendenti anche sotto la cintura, ma la colpa non è mai dei giornalisti. Giù le mani dai giornalisti! Se non ci fossero i giornalisti, questo penoso teatrino di periferia sarebbe ancora più triste. Loro accendono qualche luce dov’è buio fitto. Parola di consigliere comunale, parola di giornalista”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.