Banner Top
Banner Top

Sul Cotir, il PD provinciale attacca Febbo e il governo regionale

cotir - 01Sul difficile momento dei lavoratori del Cotir, che, peraltro, si protrae da mesi e che è divenuto uno dei pilastri di questo inizio di campagna elettorale per le regionali e non solo nel vastese, ecco la presa di posizione del gruppo del Partito Democratico in Consiglio provinciale attraverso le parole di Camillo D’Amico, capogruppo dei democrat a corso Marrucino, candidato alle primarie del Pd per la corsa a primo cittadino di Cupello nonché rappresentante sindacale della Copagri.

“Il nostro gruppo esprime l’umana solidarietà e vicinanza ai lavoratori del Cotir di Vasto ed alle loro famiglie in sofferenza per i 13 stipendi arretrati da riscuotere – dice D’Amico, che non lesina frecciate al sua antagonista di sempre Mauro Febbo – e denunciamo la grave inefficienza del governo regionale di Gianni Chiodi & company il cui assessore delegato, piuttosto che agitarsi e replicare stizzito alle giuste accuse dei sindacati, scarica sui dirigenti regionali la mancata erogazione dei contributi con la ridicola giustificazione che il tutto dipenderebbe dalla loro appartenenza politica a formazioni avverse alla sua (!!!).

E’ una dichiarazione arrendevole di un uomo che ha prodotto molti annunci durante il suo mandato ma con pochi risultati concreti per la comunità Abruzzese.

La proroga che l’intero governo e consiglio regionale si sono dati, oltre che sostanziare sei mesi di lauti stipendi e privilegi per i diretti interessati, dovevano essere utili per dare risposte alle tante, troppe esigenze che restano aperte nel territorio; la vicenda dei lavoratori del Cotir di Vasto manifesta l’esatto contrario”.

L’esponente democratico chiama in causa direttamente la Provincia di Chieti che “in linea con il processo di riforma in corso, ha da tempo deliberato l’uscita dal Cotir mettendo in vendita le proprie partecipazioni ancora non acquisite da terzi ma, nel passato, più volte ha dato contributi straordinari per consentire la naturale ed importante attività di ricerca prodotto da questo importante centro di ricerca nel settore dell’Agroalimentare; in questi anni dal governo di centro – destra alla Regione abbiamo avuto solo annunci per i centri  di ricerca senza una chiara strategia futura per renderli utili, autosufficienti e sinergici tra loro.

Attualmente noi esprimiamo vicinanza alle maestranze e rivolgiamo ufficiale appello al Presidente Enrico Di Giuseppantonio affinché si faccia carico della vicenda ed esperisca ogni utile tentativo per porre fino a questo infinito calvario”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.