Banner Top
Banner Top

Crisi, la protesta dei piccoli imprenditori abruzzesi va in scena a Roma

Protesta PMILo abbiamo ripetuto spesso: la mancanza di decisionismo e di volontà nel percorrere la strada della diminuzione decisa della pressione fiscale non consente di alleggerire le morse di una crisi che sta soffocando soprattutto le PMI artigianali e commerciali. Politiche economiche già adottate in altri Paesi che, in effetti, stanno cominciando ad intravedere trend positivi nella loro economia. Proprio questa impasse è alla base della vigorosa protesta che tutte le associazioni di categoria si apprestano a mettere in piedi martedì 18 febbraio in quel di Roma dove rivendicheranno a gran voce la necessità di interventi rapidi e concreti per salvaguardare l’imprenditoria e l’occupazione con misure richieste da tempo e sempre rimaste nel limbo della mera discussione di facciata.

Saranno, ad esempio, dieci pullman e cinquecento persone a costituire il nutrito “contingente” messo a punto dalla Cna Abruzzo che raggiungerà la Capitale in occasione della manifestazione nazionale organizzata da Rete Imprese Italia, il network della piccola impresa, del commercio e dell’artigianato, che mette insieme le principali sigle del settore: oltre a Cna, anche Casartigiani, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti.

In occasione di “Senza imprese non c’è Italia” – questo il nome della manifestazione – tutti gli uffici della confederazione artigiana abruzzese resteranno chiusi per l’intera giornata di martedì, a sottolineare così il valore e l’importanza della mobilitazione generale di metà febbraio che farà confluire in piazza del Popolo decine di migliaia di piccoli imprenditori messi all’angolo della crisi. Imprese che chiedono al governo e al parlamento un deciso scatto in avanti nella politica economica. «Il mondo dell’impresa diffusa, dell’artigianato e del terziario di mercato, che rappresenta il 94% del tessuto produttivo dell’Italia e ne è il principale motore contribuendo per il 62% al valore aggiunto – si legge dunque nel documento che riassume i contenuti della protesta – chiede subito un cambio di rotta e risposte concrete per uscire da una crisi che lo ha colpito duramente: l’incidenza della tassazione sui profitti ha raggiunto il 66%, il 20% in più della media europea, mentre la burocrazia costa alle Pmi 30 miliardi di euro l’anno e il credito è in calo dal 2011. Rete Imprese Italia sottoporrà all’attenzione della politica alcune proposte attuabili rapidamente, che possano ripristinare un clima positivo e di maggior fiducia nel futuro».

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.