Banner Top
Banner Top

Arap, la Magnacca scrive a Chiodi e Castiglione: vogliamo la sede nel vastese

san salvo-rendiconto - 19-tiziana magnaccaSul caso Arap ormai ne sentiamo dire di cotte e di crude, dalla delegittimazione della Giunta regionale a nominare il Cda ipotizzato da Eliana Menna all’allarme per la probabile esclusione di rappresentanti del vastese nello stesso Consiglio da parte di Giuseppe Forte e Antonio Prospero.

Messo ormai in cantiere che la sede della nuova Azienda regionale per le Aree produttive non sarà a Vasto, nonostante che il Consorzio industriale del vastese Coasiv contribuisca  in gran parte alla definizione del patrimonio dell’Ente, resta almeno la possibilità che un rappresentante del consorzio entri nel suo Cda, ma il governo regionale sembra orientato a inserire rappresentanti di L’Aquila, Teramo e Avezzano, un provvedimento peraltro finalmente congelato.

Per il sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca, l’esecutivo regionale ha preso «una decisione saggia e dovuta anche in considerazione delle rimostranze delle diverse realtà territoriali con le quali si contestavano i criteri adottati nella scelta dei rappresentati individuati».

Il sindaco in una lettera inviata ieri al presidente Chiodi e all’assessore Castiglione invita «ad alzare lo sguardo e andare oltre per evitare che, ancora una volta, ci siano territori dimenticati come quello del Vastese» e ricorda quanto scritto lo scorso 12 novembre scorso quando chiedeva un incontro per rappresentare le istanze di questo territorio per l’individuazione della sede dell’Arap nel Vastese per consentire una maggiore efficacia dell’azione della nuova agenzia per lo sviluppo industriale».

Per Magnacca è urgente un momento di confronto con il presidente della Regione «da allargare a tutti i sindaci per illustrare non solo per comunicare le esigenze di rappresentanza di questo territorio ma per affrontare le intere problematiche dei comuni ricadenti nell’ambito del Consorzio industriale del Vastese. Un incontro per consentire la permanenza degli investimenti in questa zona al fine di creare le opportunità di un’area diversamente destinata a  non avere più futuro».

Il sindaco di San Salvo ribadisce ancora una volta come rispetto alle altre realtà che formano l’Arap «il Consorzio industriale del Vastese è l’unico a presentare un bilancio in attivo; il Consorzio Industriale del Vastese rappresenta una quota significativa nell’Arap; il territorio del Vastese è stato il vero traino dello sviluppo industriale della Regione Abruzzo; che ancora oggi sul territorio di San Salvo insistono due delle più grandi multinazionali che hanno scelto di produrre in Abruzzo e unitamente alle aziende internazionali della Val di Sangro costituiscono, insieme ai relativi indotti, la parte più rilevante delle esportazioni abruzzesi».

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.