Banner Top
Banner Top

Consorzio di Bonifica, il Pd provinciale ne invoca il commissariamento

Consorzio di Bonifica_5È ancora una volta il Pd provinciale a forzare la mano e a tornare a chiedere il commissariamento del Consorzio di Bonifica Sud di Vasto. In una nota i democratici sollecitano “il presidente – governatore della Regione Abruzzo sia coerente e consequenziale con il deliberato assunto unanimemente dall’assise di procedere all’immediato commissariamento del consorzio di bonifica Sud con sede a Vasto mandando a casa l’attuale presidente – commissario Fabrizio Marchetti & soci”.

Per il Pd tocca solo a Chiodi “assumere questa improcrastinabile decisione non il componente di giunta allo scopo delegato per istituto che ha tutto l’interesse a preservare lo status quo al solo scopo di non perdere pezzi nella sua organizzazione per le prossime consultazioni elettorali del 25 maggio.

La chiarezza della replica del consigliere regionale di S.E.L. Franco Caramanico all’assessore Febbo fa giustizia di ogni interpretazione, comoda e di parte. quest’ultimo aveva asserito per difendere l’attuale situazione sul deliberato assunto dal Consiglio Regionale”.

D’Amico e compagni invocano “la nomina di un commissario ad acta che faccia chiarezza sulle reale situazione finanziaria facendo un chiaro elenco dei debiti e crediti certi ed esigibili, programmi un duro piano di rientro e di dismissione dei beni inutili alle attività istituzionali dell’ente consortile, riorganizzi la pianta organica per ridurre le spese e recuperare spazi di efficienza ed indìca nuove elezioni democratiche così riconsegnando il consorzio ai legittimi rappresentanti degli utenti”.

Per i democratici tra i compiti del commissario, dunque, quello di fare “chiarezza su tutte le responsabilità che hanno prodotto l’attuale situazione di stallo con i servizi sempre a rischio d’interruzione ed i dipendenti in ritardo di 7 – 8 mensilità arretrate”.

Nella nota si annuncia l’arrivo in Commissione Bilancio della Provincia la “proposta di delibera”, sollecitata proprio dal capogruppo del Pd, “atta a scomputare dal perimetro della contribuenza consortile tutti quei beni immobili che non godono di alcun reale servizio.

Questa decisione, che riguarda il consorzio “Centro” con sede a Chieti e quello “Sud” di Vasto, porterà un risparmio di circa € 50.000 annui che verranno iscritti alla manutenzione stradale nel redigendo bilancio di previsione del 2014”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.