Banner Top
Banner Top

Occupazione, segnali di risveglio alla Honda in Val di Sangro

Honda_Atessa_1Qualcosa si sta muovendo in Val di Sangro dove la Sevel mantiene la propria stabilità produttiva, ma, soprattutto, dove miglioramenti si vedono alla Honda industriale S.p.A., l’azienda che produce scooter e la naked Hornet in contrada Saletti. Dopo aver dato via a un profondo rinnovamento del settore gestione acquisti l’azienda nipponica è riuscita a garantire i volumi produttivi per i 359 lavoratori a tempo indeterminato dello stabilimento, ma non solo: da marzo, infatti, procederà all’assunzione per 5 mesi di 95 ex operai per l’alta stagionalità.

A far trapelare la notizia è Nicola Manzi, segretario della Uilm Nicola Manzi a margine dell’incontro tenuto questa mattina nella sede di Confindustria della Val di Sangro con la direzione della Honda Italia.

“Siamo molto soddisfatti, soprattutto per le buone notizie che riguardano l’ indotto della Honda che stava soffrendo più di tutti il piano di rilancio della casa motoristica giapponese presentato nel dicembre 2012” ha sottolineato Manzi, il quale, poi, ha riferito di un’altra buona notizia: il 23 per cento della componentistica a partire da marzo non verrà più acquistata in Vietnam ma prodotta in Val di Sangro.

Un nuovo incontro molto importante, che verterà proprio sulle possibilità di sviluppo dell’indotto, si terrà nella fine di febbraio.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts