Banner Top
Banner Top

Eccellenza, gennaio agrodolce per Vastese e Vasto Marina

Appena 14 punti conquistati in questo primo mese del 2014. Bottino impossibile da conquistare per una sola squadra in appena quattro partite(si sforerebbe di due il massimo consentito) ma troppo risicato se tale somma è l’addizione raccolta dalle quattro squadre del nostro territorio presenti in Eccellenza. Se di questi dieci arrivano dalle due vastesi ci accorgiamo che per Us San Salvo e Virtus Cupello il nuovo anno non è iniziato sotto la migliore stella. Meglio di tutte le altre sicuramente, prima di domenica, aveva fatto la Vastese di mister Lemme, 5 punti erano arrivati nelle prime tre giornate, poi la misssion impossibile di San Nicolò(ieri battuto per 1 a 0 dall’Avezzano nella finalissima di Coppa con gol di Moro) ha regalato il primo stop dell’anno fermando la serie positiva dei vastesi che durava da ben nove turni, raccogliendo negli ultimi due mesi 15 punti. Per i biancorossi dopo il mercato dicembrino l’asticella degli obiettivi è andata verso il basso, si è puntano più sulla quantità che sulla qualità(eccezion fatta per il funambolico D’Antonio, acquisto di spessore) e il lavoro del tecnico vastese è divenuto sicuramente più arduo. Oggi pensare ai playoff con un 6° posto a quota 33 appare impresa utopistica, le novità nel regolamento playoff introdotte tre stagioni or sono difficilmente daranno negli anni a venire l’accesso agli spareggi alla quinta(ricordiamo l’esclusione qualora il distacco dalla 2° sfonderebbe la soglia dei 10 punti), mai è successo nelle due stagioni precedenti e anche quest’anno ci si sta muovendo sulla stessa direzione con l’Avezzano avanti 14 punti sul Pineto. Non solo, i due punti raccolti dal Capistrello, terzo, hanno aumentato la forbice dalla vicecapolista portandola a 8 punti, ancora altri due punti e se il distacco tra 2° e 3° a fine anno supererebbe i 10 punti come già successo lo scorso anno(Giulianova sul Montorio) non ci sarebbe alcun playoff regionale ma l’Avezzano staccherebbe il largo anticipo il pass per le fasi nazionali riguardanti l’accesso alla D. Dopo 22 giornate già mandate agli archivi(e dominate dal San Nicolò autentico tritacarne di questo girone con un ruolino di marcia pazzesco e la D in tasca avendo già 10 punti di vantaggio sull’insegutrice) la Vastese farebbe bene a iniziare il discorso per il prossimo campionato in largo anticipo, ponendo le basi per un vero progetto fatto di poche chiacchiere e più fatti concreti(equazione difficile nel calcio vastese). Sulla sponda Vasto Marina, la rivoluzione di dicembre tra campo e panchina ha sortito gli effetti sperati anche se dopo le quattro vittorie a cavallo tra vecchio(3) e nuovo anno(1) c’è stata una frenata arrivando a centrare due pareggi nelle ultime tre giornate subendo appena una rete(l’unica nelle ultime 7 uscite) ma registrando lo 0 alla casella dei gol fatti. I ragazzi di mister Gionni Precali non ancora sono completamente fuori dalla zona playout, la 14° posizione con 21 in coabitazione con Francavilla e Montorio, dice che la salvezza diretta è distante un solo punto, di quelle immischiate nella lotta salvezza i vastesi sembrano la squadra più attrezzata. Decisivo per loro sarà il prossimo trittico di sfide salvezza, molto se non tutto diranno le trasferte di Montorio e Roseto intervallate dalla sfida interna al River Casale. Tantissima sfortuna mista a una buona dose di imprecisione ed ecco che il 2014 per l’Us San Salvo è iniziato in salita, con  1 solo punto conquistato in 4 partite dovendo rimandare così a febbraio l’appuntamento con la prima vittoria del nuovo anno(discorso identico per Francavilla, Alba Adriatica e Civitella Roveto capaci di conquistare rispettivamente 2, 3 e 3 punti). Il calendario di certo non ha aiutato la truppa di Claudio Gallicchio ma nelle tre sconfitte contro Avezzano, Torrese e Pineto fossero arrivati sette punti nessuno si sarebbe dovuto meravigliare. Anche nel punto interno contro l’Alba la doppia inferiorità numerica e altre discutibili scelte arbitrali hanno condizionato il match, il 10° posto con 27 punti non rappresenta di certo il reale andamento del campionato, la zona playout è lontana 6 punti ma prima si supera la soglia dei 40 punti meglio è. Per ritrovare la giusta serenità servirebbe un filotto utile di risultati posiviti(più vittorie che pareggi) magari allontanando il più possibile quella nuvola di fantozziana memoria. L’avevamo, giustamente, esaltata dopo lo splendido periodo di fine 2013(con l’aggiunta della prima del nuovo anno)  condito da 18 punti in 8 partite ma le ultime tre sconfitte consecutive hanno riportato sulla terra la Virtus Cupello. Sempre fuori dalla zona bollente, grazie all’attuale 11° posto a quota 23 da condividere con l’Acqua e Sapone, anche se dista sole due lunghezze, da qui alla fine serviranno almeno altre quattro vittorie(magari aggiungendo qualche pari) per evitare i playout e brindare così a una storica promozione. Perdere in terra marsicana contro Capistrello prima e Avezzano poi ci può stare, non è in quelle sfide che i rossoblu di Max Memmo devono conquistare punti vitali ma di pesanti ne sono stati persi e regalati nel match salvezza interno contro la Rosetana. Non bisognava perdere, anche un punto sarebbe bastato pur di non far scappare una diretta concorrente per la salvezza. Se Civitella Roveto e Altinrocca sono parecchio in fondo e si giocheranno l’ingresso nel playout cercando di evitare la retrocessione diretta(anche se rischiano entrambe di retrocedere qualora tra 14° e 17° ballino 10 punti di vantaggio) dal 16° all’11° posto troviamo ben sei squadre racchiuse in appena 2 punti. Con la prima posizione già blindata dal San Nicolò e una corsa a due per evitare l’ultimo posto, i fari per le ultime 12 tappe della stagione regolare verranno puntati sulla zona playoff e playout, i primi semmai venissero disputati difficilmente troveranno compagini del nostro territorio presenti, gli spareggi thrilling per evitare la Promozione non vuole affrontarli nessuno e proprio per questo da qui alla fine bisognerà correre tanto e perdere poco.

ADB

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts