Banner Top
Banner Top

Piazza Rossetti, saranno abbattuti i pini monumentali

pini di Piazza RossettiAncora poche settimane di vita, forse, per i monumentali pini di piazza Rossetti. Tra fine febbraio e marzo, infatti, con l’arrivo di nuove piante che arricchiranno, abbellendolo, il verde urbano di Vasto, potrebbe arrivare la scure su quegli alberi che, dalla statica compromessa e per diversi altri problemi, rischiano di mettere a rischio la pubblica incolumità. È già successo in passato e potrebbe succedere di nuovo. Inoltre, nelle prossime settimane dovrebbe essere necessario sopprimere, oltre quelli di piazza Rossetti, anche altri alberi, soprattutto pini, quelli che rischiano di cadere mettendo a rischio i passanti. Più volte, in passato, grazie all’intervento dei vigili del fuoco e degli uomini della Protezione Civile, si è cercato di sfrondare i pini più compromessi per migliorarne la stabilità. Ma adesso tutto ciò sembra non essere più sufficiente e, nonostante i ripetuti appelli contrari di cittadini e ambientalisti, il taglio radicale pare a questo punto inevitabile.

Per le palme del centro e della marina, invece, quelle più colpite dal punteruolo rosso, prosegue l’attività di monitoraggio disposta dall’assessore Marco Marra, che, grazie alla consulenza di una ditta specializzata, sta cercando l’antidoto giusto all’inesorabile azione del parassita killer delle piante. Le note liete? Come già anticipato nei giorni scorsi, grazie ad una Legge Regionale, la 106 del ‘94 il Corpo Forestale dello Stato ha concesso alla città 320 piante di varie specie: viburno tino, ligustro giapponese, cipresso comune, bosso, viburno lantana, tiglio comune, ciliegio, platano, pino domestico, magnolia e alloro. Le piante fornite saranno destinate a scuole, parchi, giardini pubblici e viali urbani, secondo un articolato programma che terminerà tra marzo ed i primi di aprile. Insomma, l’Amministrazione comunale continua a lavorare per migliorare il verde pubblico cittadino anche se piazza Rossetti, senza i due pini, non sarà più quella di una volta. Adesso la speranza è quella di salvare le palme di viale Dalmazia.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts