Banner Top
Banner Top

Eclatante protesta nella sede aquilana di Bankitalia, Cioni desiste

confcommercio-cioniHa desistito dalla sua eclatante protesta il direttore di Confcommercio L’Aquila, Celso Cioni, che stamani si era barricato nella sede del capoluogo di Bankitalia. A convincerlo è stata la mediazione condotta dal comandante provinciale dei carabinieri, il colonello Savino Guarino, unitamente al sostituto procuratore Stefano Gallo. Con sé Cioni aveva una tanica di benzina e un accendino e aveva minacciato di darsi fuoco se il governo non rivedrà “le condizioni del sistema bancario, almeno nei paesi del cratere e della città che è ancora militarizzata”. L’estrema protesta era a sostegno dei piccoli commercianti della città “costretti dal terremoto a lasciare i proprio negozi senza ottenere alcun sostegno”. Cioni aveva spiegato di aver messo in atto la protesta, annunciando anche lo sciopero della fame e della sete, “per lanciare il grido di dolore dei piccoli commercianti di questa martoriata città, costretti dal terremoto a lasciare i propri negozi senza ottenere alcun sostegno e, facendo debiti, si sono ricollocati alla meglio e sono disperati e con le banche che li tengono quotidianamente sotto pressione”.

Agi – Abruzzo

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts