Banner Top
Banner Top

Cupello: paese a rischio sicurezza e il sindaco Pollutri scrive al Prefetto

Pollutri_Angelo_2L’escalation di criminalità soprattutto micro non sta interessando solo la città di Vasto, ma un po’ tutto il comprensorio nel quale si ripetono con continuità disarmante furti, scassi e danneggiamenti aggravati ancor di più da questi anni di crisi incessante. Una delinquenza alla quale bisogna far fronte con organici delle Forze dell’Ordine spesso ridimensionati all’insegna della spending review. Proprio su queste tematiche è incentrata la lettera inviata stamane dal sindaco di Cupello, Angelo Pollutri, a S. E. il Prefetto Fulvio Rocco De Marinis nella quale il primo cittadino evidenzia la situazione border line del suo comune chiedendo aiuto alle istituzioni per contenere quanto sta già accadendo e quanto potrebbe accadere. Ecco il testo del documento:

Sua Eccellenza,

torno su un argomento già segnalato con missiva del 16/12/2013 sulla grave situazione di insicurezza nella comunità che mi onoro di rappresentare.

Cupello è un centro urbano con 42 Km di estensione, ed è il comune porta di accesso dal Sud, infatti, Loc. Bufalara di Cupello, è alle porte dei territori di San Salvo e Montenero di Bisaccia (Molise), dove si trovano  l’uscita del casello autostradale Vasto sud (uscita San Salvo – Montenero di Bisaccia), la Fondo Valle Trigno e la  Fondo Valle Treste.

Da questa mia segnalazione si comprende quale sia lo stato di vulnerabilità del territorio.

Cupello è sede di un impianto strategico nazionale di stoccaggio gas ed è sede un impianto consortile dedito al trattamento dei rifiuti solidi urbani.

Nel territorio comunale di Cupello sono presenti numerosi impianti fotovoltaici, la torre ipsometrica in Loc. Ributtini che si occupa della distribuzione di acqua a scopo irriguo e quindi anch’esso di rilevanza strategica per l’intero territorio vastese.

Da queste brevi notizie è comprensibile il ruolo strategico del comune di Cupello, la mia comunità è colpita, da oltre  due mesi, da gravi episodi delinquenziali, espressi con scassi e furti con danni a case e persone.

Vi è un timore che questo fenomeno possa sfociare in situazioni più dannose e pericolose, come regolamenti di conti ad personam, ovvero con giustizia fatta in casa per difendere i sacrifici di una vita e soprattutto i propri familiari.

Non le nascondo la mia difficoltà nel far ragionare la cittadinanza, che esiste una giustizia rappresentata dalle leggi e uno stato di sicurezza rappresentato dalle Forze dell’Ordine.

Non le nascondo nemmeno il mio disappunto nell’indebolimento dell’organico della locale stazione dei Carabinieri di Cupello, che tra l’altro si occupa anche della comunità di Monteodorisio e del suo territorio, che dista circa 4 Km da Cupello.

Con la presente sono a chiederle un conforto fattivo ed operoso  consistente nel dimensionare la nostra locale stazione CC con un numero maggiore di addetti alla sicurezza, utili a superare questo momento difficile di degenerazione della tranquillità dei cittadini.

Confidando nella Sua tranquillità colgo l’occasione per esprimere la mia solidarietà alle forze dell’ordine locali per la loro operosità e serietà nell’affrontare questo grave momento di criminalità quotidiana. La saluto a nome di tutta la comunità di Cupello, sperando che nelle prossime ore si possano avere notizie in merito alla presente segnalazione.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts