Banner Top
Banner Top

Risarcimenti post incidente, i parlamentari abruzzesi a sostegno dei carrozzieri

Sostegno pieno e incondizionato alla battaglia dei carrozzieri abruzzesi e italiani per la modifica delle norme contenute nel Decreto “Destinazione Italia”, che rischia di mettere in ginocchio migliaia di piccole imprese del settore, e di rappresentare l’ennesimo regalo alle compagnie assicuratrici. Lo hanno espresso i quattro parlamentari abruzzesi (Maria Amato e Vittoria D’Incecco del Pd, Giulio Sottanelli di Scelta Civica e Federica Chiavaroli di Nuovo Centro Destra) presenti questa mattina a Pescara, nella sala Camplone della Camera di Commercio, all’incontro organizzato dalle associazioni dell’artigianato (Cna, Confartigianato, Casartigiani e Claai) impegnate nella mobilitazione generale della categoria.

«Vogliamo arrivare a una modifica del decreto che metta finalmente su un piano di parità le esigenze dei consumatori, delle imprese e delle compagnie assicuratrici, attraverso una differente procedura sulla valutazione del danno da incidente, che sia condivisa tra le parti e non, come nell’attuale formulazione, indirizzata solo a tutela degli interessi delle lobby assicurative» ha sintetizzato, a nome delle diverse sigle presenti, il responsabile nazionale di Cna Servizi alla Comunità, Mario Turco, parlando davanti a una folta platea di carrozzieri giunti a Pescara da ogni parte delle regione.

Turco ha attaccato la stessa filosofia del provvedimento, destinato –  se approvato senza modifiche – a assestare un colpo mortale alla libera concorrenza, a condizionare i consumatori e a conferire alle assicurazioni un potere sconfinato, permettendo loro di «realizzare business non solo sulle attività di propria competenza, ma anche sul lavoro degli altri, perché il loro obiettivo è indirizzare tutte le riparazioni verso un gruppo ristretto di officine convenzionate, tenute perennemente sotto ricatto con tariffe irrisorie». Dati alla mano, e citando fonti delle stesse compagnie assicuratrici, Turco ha rovesciato quelli che per i carrozzieri sono luoghi comuni: «Non è vero che il costo delle polizze assicurative sia determinato dal prezzo eccessivo delle riparazioni, non è vero che sui risarcimenti post-incidente sia questa la voce più consistente e onerosa. Perché il 65% dei risarcimenti riguarda i danni fisici, il 20% altri costi indiretti, e solo il 15% le riparazioni. Percentuale, questa, assorbita per oltre il 60% dal costo dei materiali, lasciando al costo del lavoro una parte irrisoria».

Oltre ai parlamentari presenti («Sono disposto a figurare anche come primo firmatario dell’emendamento» ha detto tra l’altro Sottanelli), solidarietà e sostegno alla battaglia dei carrozzieri di Cna, Confartigianato, Casartigiani e Claai sono stati espressi anche con alcuni messaggi arrivati da deputati e senatori assenti: Paolo Tancredi di Nuovo Centro Destra, Gianni Melilla di Sel, Antonio Castricone del Pd e Andrea Colletti del M5S.

  • Turco
  • Sottanelli-D'Incecco
  • platea2
  • platea1
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts