Banner Top
Banner Top

“L’è peso el tacon del buso”, è peggio la toppa del buco

conferenza stampa-opposizione - 07 - d'alessandroÈ un vero tête-à-tête quello che si sta profilando all’orizzonte di Palazzo di Città, una querelle senza risparmio di colpi tra il consigliere di minoranza Davide D’Alessandro e il sindaco Luciano Lapenna, una situazione che procede a colpi di comunicati stampa, colpi di fioretto, parate e stoccate. L’ultima in ordine di tempo viene dal consigliere indipendente che non manda giù le giustificazioni addotte dal primo cittadino sulle possibili assunzioni in Comune e gli risponde non lesinando anche colpi bassi come il richiamo alle assunzioni registrate in questi anni di mandato amministrativo.

“C’è confusione, tanta confusione a Palazzo di Città – scrive D’Alessandro – Un noto sito locale facendo correttamente il proprio mestiere, leggendo accuratamente le carte, annuncia: “L’amministrazione comunale di Vasto intende assumere 53 nuovi dipendenti in tre anni. È quanto emerge dal Programma triennale del fabbisogno di personale per gli anni 2013-2015”. Il Sindaco, che piange miseria un giorno sì e l’altro pure, smentendo i suoi documenti, precisa: “Non faremo quelle assunzioni”. Non le farà, però pochi mesi fa, non dieci anni fa, le prevedeva con una dichiarazione d’intenti. Insomma, le vuoi fare o non le vuoi fare? Risposta: “Il documento triennale di Programmazione del Fabbisogno, non è un documento statico, ma va annualmente e secondo le necessità, modificato, integrato, rettificato, sulla base di nuove e possibili esigenze della Pubblica Amministrazione e dei mutamenti del quadro normativo nazionale di riferimento”. E in pochi mesi quali sono le nuove esigenze? È cambiato il quadro normativo? Per dirla in veneto: “L’è peso el tacon del buso”, è peggio la toppa del buco. Anche perché il Sindaco è muto sull’altro aspetto inquietante della vicenda assunzioni. Nel 2006, con un contratto, ha immesso nello staff due suoi fidati collaboratori. Dopo un po’, uno dei due è stato assunto a tempo indeterminato, mentre l’altro sta concorrendo proprio in questi giorni per una nuova assunzione, sempre a tempo indeterminato. Sarà lui il vincitore? Aspettiamo la comunicazione del nuovo portavoce. I cittadini vastesi, che pagheranno a vita con i loro soldi queste assunzioni, hanno fretta di sapere”.

Insomma una nota al curaro, e non poteva essere altrimenti dopo i “complimenti” riservati da Lapenna a D’Alessandro, che rispecchia, però, l’ennesimo difficile momento della politica vastese alle prese con conferenze stampa e contro-conferenze, con ultimatum e ritorsioni, con polemiche e divergenze.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts