Banner Top
Banner Top

Perseguita l’ex moglie, scatta il divieto di avvicinamento

CommissariatoPer troppo tempo una guardia giurata vastese aveva reso la vita impossibile all’ex moglie. Aggressioni, pedinamenti, ingiurie e perfino minacce di morte: era convinto che la donna lo tradisse con altri uomini e inutili si erano rivelate le rassicurazioni della vittima. L’uomo aveva continuato a perseguitarla tanto che alla fine lei aveva chiesto la separazione, ma questa nuova condizione aveva evidenziato ancora di più il comportamento invadente e arrogante dell’uomo: pian piano l’odio verso la donna era montato fino ad assumere contorni ossessivi. La donna, come ricostruito dagli agenti del Commissariato di Pubblica sicurezza di Vasto, sotto il coordinamento del vicequestore aggiunto, il dottor Cesare Ciammaichella, aveva perso anche il lavoro a causa dei continui pedinamenti. In un episodio,infatti, dopo aver seguito l’ex moglie fin sul posto di lavoro, lo stalker aveva occultato la macchina in una stradina circostante posizionandosi in modo da poter osservare meglio i movimenti della donna. Chi conosceva la donna aveva paura perché sapeva che l’uomo portava sempre al seguito la pistola d’ordinanza.La paura che potesse usare l’arma in dotazione per commettere qualche gesto inconsulto aveva portato la vittima ad interrompere ogni rapporto lavorativo.
Dopo minuziosi accertamenti, personale del Commissariato di Vasto ha quindi provveduto al ritiro cautelare della pistola e del relativo munizionamento. Ciò nonostante lo stillicidio persecutorio era continuato. Le aggressioni denunciate dalla vittima sono state ampiamente documentate e riscontrate dalla Polizia intervenuta in varie occasioni.
La condotta dell’uomo  aveva assunto contorni inquietanti e allarmanti tali da incidere profondamente sulla psiche della vittima costringendola a cambiare il proprio modus vivendi. Una violenza assurda scatenata da una gelosia patologica.
Per questi motivi il Giudice ha ritenuto necessario nei confronti dell’uomo, identificato per N.G. di anni 52, l’applicazione della misura del divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima, nonché alle persone che con questa stabilmente convivono e comunque risultano avere stabili rapporti.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts