Banner Top
Banner Top

Il bilancio dell’Arma: calano i reati, ma aumentano furti e spaccio

CASERMA-vastoStamane il Comando dei Carabinieri di piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa ha ospitato l’ormai abituale conferenza stampa di fine anno in cui l’Arma rendiconta l’attività portata a compimento negli ultimi 11 mesi. È stato il comandante provinciale col. Salvatore Ronzo a delineare il quadro dell’attività nella provincia teatina; al suo fianco il comandante di Compagnia di Vasto magg. Giancarlo Vitiello e il responsabile del Nucleo radiomobile ten. Domenico Fiorini.

I dati spulciati nel corso dell’incontro con la stampa sembrerebbero parlare di una città tutto sommato tranquilla seppure, e lo scriviamo da tempo, ad alto rischio vista anche la vicinanza con realtà come quella pugliese e campana.

I dati aggiornati, dunque, al 30 novembre, parlano di 2218 i reati commessi nel territorio provinciale nel 2013 (2629 nel 2012) di cui 418 scoperti; 95 gli arresti contro gli 88 dell’anno precedente; 409 le denunce in stato di libertà a fronte delle 355 del 2012; controllate oltre 37mila vetture e quasi 42mila persone.

Gli esponenti dell’Arma hanno ricordato varie operazioni di rilievo portare a compimento come la cattura dei malviventi coinvolti nella rapina al portavalori sulla A14; l’arresto dell’omicida di Michela Strever; le operazioni Car Wash contro il traffico di sostanze stupefacenti ed Oro Rosso contro il furto e traffico di rame; il fermo di uno degli esecutori dello sfregio in viso di Lucia Annibali.

Insomma vista così il quadro non sarebbe neanche male, ma…e si c’è un ma dovuto ad alcune sfumature che destano più di una preoccupazione.

A cominciare dall’aumento del numero di rapine salito del 50% da 12 a 18, in 8 dei quali sono stati individuati i responsabili. E, poi, l’ingente sequestro di sostanze stupefacenti di decine di chili con 21 denunce e 30 arresti.

Due fenomeni che hanno indotto a chiedere maggiore collaborazione ai cittadini che devono chiedere aiuto all’Arma in caso di situazioni anomali. Intanto, la percezione che si ha della sicurezza a Vasto e a San Salvo è ridotta ai minimi termini.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts