Banner Top
Banner Top

San Salvo: sulla scadenza Tarsu gli utenti non hanno responsabilità

San_Salvo_piazza_Giovanni XXIIIMolte sono state le voci di protesta registrate in questi giorni sul ritardato invio dei bollettini inerenti il pagamento della IV rata della Tarsu, quella, per intenderci, che contiene gli aumenti dovuti all’innalzamento della quota da devolvere alla Provincia dall’1% al 5% e la somma di 30 centesimi al mq reclamata dallo Stato centrale.

Sull’argomento è intervenuta una nota dell’Amministrazione comunale  che chiarisce come “Gli utenti di San Salvo non hanno nessuna responsabilità qualora il bollettino per il pagamento della quarta e ultima rata della Tarsu e della parte del tributo dovuto allo Stato dovesse arrivare in ritardo.

Dopo gli ennesimi chiarimenti in materia fiscale il Comune di San Salvo ha provveduto nei giorni scorsi a consegnare la documentazione a Poste Italiane per l’invio di un unico modello F24 per effettuare i versamenti. L’amministrazione comunale di San Salvo sta utilizzando il servizio recapito di spedizione massiva di Poste Italiane, senza ulteriori costi a carico dei cittadini”.

“Se si stanno verificando dei ritardi nella consegna dei bollettini – specifica il sindaco Tiziana Magnacca –  è proprio una diretta conseguenza della grande confusione che c’è stato a livello governativo con le continue novità in materia fiscale. Noi ci siamo mossi per tempo con il nostro ufficio tributi. Abbiamo  mantenuto  la Tarsu e lo abbiamo fatto senza applicare aumenti rispetto al 2012. Questo vuol dire che famiglie non pagheranno nessun aumento per la tassa sui rifiuti, ma abbiamo fatto di più applicando una riduzione del 10 per cento sulle tariffe per diverse categorie produttive, commerciali e artigianali. Tutto ciò per sostenere le aziende in un momento così difficile di recessione economica che avrebbe potuto portare conseguenze ulteriori sull’occupazione nel nostro territorio”.

Intanto la Presidenza del Consiglio dei ministri ha emanato una nota del Ministero dell’Economia e delle Finanze. In particolare è fissato al 16 gennaio 2014 il versamento della maggiorazione “nel caso in cui il Comune non abbia inviato il relativo bollettino in tempo utile per far rispettare ai contribuenti la scadenza del 16 dicembre 2013”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts