Banner Top
Banner Top

Presentato il nuovo libro di Lino Spadaccini dedicato alle processioni

Una gremita Sala Mattioli ha accolto la presentazione dell’ormai tradizionale evento natalizio dell’associazione “Amici degli Anziani”, presieduta dalla vulcanica Angelina poli Molino, alla presenza dell’assessore alle Politiche sociali Anna Suriani, del sindaco Luciano Lapenna, del vice-presidente del Consiglio comunale Luigi Marcello, del presidente del Lions Club Adriatica Vittoria Colonna Guido Caravaggio e molti giornalisti tra cui i direttori Nicola D’Adamo e Luigi Spadaccini. Anche questa volta il sodalizio ha voluto regalare alla città una pagina culturale importante con la presentazione del volumetto della collana “Il Tempo e la Memoria” intitolato “Le processioni a Vasto tra fede e tradizione”, ultimo lavoro editoriale dello storico vastese Pasquale (Lino) Spadaccini.

È stata la Poli Molino a fare gli onori di casa con i doverosi ringraziamenti alle istituzioni e all’autore del libro: dopo aver ricordato il suo allontanamento dall’universo delle processioni perché mentre seguiva quella di San Michele le arrivò la notizia della scomparsa di suo marito ha detto “Questo volume vuole essere  il veicolo migliore per promuovere e salvaguardare quanto di più bello vi possa essere nel manifestare il trasporto della fede popolare non solo nella preghiera, ma anche nella partecipazione alle processioni che costituiscono il veicolo efficace per perpetuare lo slancio devozionale della gente”.

Aneddoti sulle processioni sono stati raccontati anche dal cavaliere Giuseppe Catania che ha ricordato i lavori editoriali di Lino Spadaccini, soprattutto il volume su Pietro Muzii e quello sulla strage aerea del maggio 1951 nel quartiere San Michele, (ma consentite a noi di ricordare anche i pregevoli volumi sulla partecipazione di Vasto al Campanile sera di Mike Bongiorno, il ricordo della figura di Espedito Ferrara e le pagine sul risorgimento vastese). Il decano dei giornalisti vastesi ha elogiato il lavoro di ricerca portato avanti da Spadaccini e il pregevole apparato fotografico del volume, davvero imperdibile.

Ed allora la parola per presentare il suo lavoro è passata a Pasquale Spadaccini che ha subito chiarito come il volumetto si divida in due sezioni: “C’è una parte introduttiva – ha detto – che non può e non vuole essere esaustiva sull’argomento  ed una seconda parte dove si ripercorrono le varie processioni in ordine cronologico, partendo da quella della Madonna di Lourdes delll’11 febbraio per terminare con quella in onore di S. Barbara il 4 dicembre”.

Molti sono i racconti che l’autore ha voluto riservare alla platea attentissima, dalle “divergenze” divenuta storia tra le parrocchie di S. Maria  e S. Pietro , addirittura soppresse nel 1808 fino al 1915, fino alle processioni dimenticate o scomparse; da come è cambiato il rapporto tra le varie chiese in merito alle processioni fino ai grandi eventi delle reliquie di Sant’Antonio di Padova (2006); del sangue del Beato Papa Giovanni Paolo II (2012), di quella di S. Giovanni Bosco qualche settimana fa e la reliquia di papa Giovanni XXIII soli pochi giorni fa; ma anche quella dedicate a momenti particolari della vita cittadina come per invocare la benemerenza contro le calamità naturali o invocare la pioggia e via discorrendo.

Come tutti i lavori di Lino Spadaccini, il volume è arricchito da un repertorio fotografico senza uguali “Ci sono ben 160 fotografie e, davanti ad una quantità notevole di fotografie, è stato davvero difficile doverne eliminare tante”, ha detto l’autore, che ha aggiunto “In gran parte sono immagini degli ultimi anni e sono riconoscibili tanti volti di confratelli, sacerdoti, personalità politiche e persone comuni, molte delle quali anche qui presenti oggi in mezzo a noi, ma ci sono anche molte foto d’epoca, alcune delle quali inedite”. Fotografie che appartengono, oltre che alla collezione dell’autore, a quelle dell’Associazione Nazionale Marinai sezione di Vasto, Ida Candeloro, Stefano D’Adamo di Milano, Beniamino Fiore, Dino Fioretti, Massimo Molino, Tonino Pollutri, Tindaro Pontillo, Michele Tana e Francesco Paolo Vitelli, nomi che  Spadaccini ha voluto ringraziare insieme alla famiglia Provicoli per aver concesso le immagini della copertina e della quarta di copertina tratte da opere del pittore vastese Michele Provicoli, di cui quest’anno ricorre il centenario della nascita.

Insomma, un volume da non perdere che è possibile acquistare all’edicola Di Lanciano in corso De Parma ed in altre edicole e librerie della città.

Angelino Poli Molino ha sottolineato come il ricavato della vendita verrà devoluto alla Caritas diocesana prima di invitare i presenti all’inaugurazione della mostra artigianale “Quando le bottiglie parlano”, ovvero bottiglie di vetro decorate dai membri dell’associazione “Amici degli Anziani” che hanno scelto anche una poesia da abbinarvi. È stato il sindaco Luciano Lapenna ad inaugurarla prima della benedizione comminata da don Gianfranco Travaglini.

Nelle immagini di Massimo Molino riviviamo quei momenti.

  • 002
  • 003
  • 005
  • 009
  • 012
  • 016
  • 020
  • 021
  • 024
  • 025
  • 029
  • 030
  • 031
  • 032
  • 033
  • 034
  • 035
  • 036
  • 037
  • 038
  • 039
  • 040
  • 041
  • 042
  • 043
  • 044
  • 045
  • 047
  • 048
  • 049
  • 050
  • 052
  • 054
  • 056
  • 057
  • 058
  • 059
  • 060
  • 061
  • 062
  • 063
  • 066
  • 067

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts